ReCrowd Opinioni: 🇮🇹 I Rischi e Come Funziona (Chi lo usa?)

ReCrowd Opinioni
4.8
(1801)

Se hai sentito parlare bene di questa piattaforma, allora vorrai certamente conoscere le opinioni su ReCrowd di chi la usa già.

Investire in immobili italiani e guadagnare il 10% di interessi?

In questo articolo leggerai tutto quello che serve sapere sulla piattaforma.

Ho raccolto e analizzato personalmente tutti i dati e le opinioni su ReCrowd.

L’obiettivo?

Voglio sapere se è un sito affidabile e se i rendimenti sono reali.

ReCrowd è un sito di crowdfunding immobiliare italiano che promette rendimenti del 10% annuo.

Andiamo a vedere cosa dice chi investe già su ReCrowd e poi ti darò la mia opinione da investitore in crowdfunding immobiliare.


Opinioni ReCrowd di Trustpilot

Le recensioni che trovano su sito come Trustpilot non sono pareri di esperti ma solo di utenti generici e non per forza verificati.

Sono normalmente pareri che hanno comunque valore perchè ci danno un’indicazione valida del livello di soddisfazione generale.

Nel caso di ReCrowd le opinioni su Trustpilot sono davvero eccellenti. Addirittura il 97% di chi ha espresso il suo parere lo giudica eccezionale o molto buono.

Quindi prendo atto che, anche se non sono magari investitori esperti, comunque gli utenti che lasciano la loro impressione sul sito sono generalmente soddisfatti.

Vediamo meglio il perchè…

Ecco due recensioni su Re Crowd:

re crowd pareri online

 

Questo è il quadro generale delle recensioni ReCrowd online:

pareri re crowd

Insomma, a prima vista Recrowd non delude e piace soprattutto a chi investe piccole somme.

A mio parere quello è il vantaggio principale del crowdfunding, il poter fare investimenti immobiliari anche con pochi soldi. Prima non era possibile farlo.


Opinioni su ReCrowd nei forum online di finanza

Sui forum di finanza e investimenti italiani si parla di ReCrowd, ma non tanto quanto credessi.

I pareri di chi sta investendo sono buoni, ma ho trovato molti commenti scettici (dai non investitori) nei forum che dicono che è presto per capire se conviene o no.

Una preoccupazione diffusa è che i rendimenti sembrano troppo alti per essere veri.

Sarebbe lecito chiederselo, ma il punto è proprio quello, non essendoci intermediari il guadagno se lo dividono immobiliaristi, investitori (noi) e una percentuale giustamente trattenuta da ReCrowd che fa la due diligence e ci mette in contatto.

esempi di affari immobiliari online

Da quando sono stati scritti quei commenti fina ad oggi, Recrowd ha funzionato bene ed ha pagato gli interessi, anche se “troppo alti” per qualcuno.

Tutto questo potrebbe cambiare ed è bene ricordare che si tratta di investimenti ad alto rischio e bassa liquidità.


Cos’è ReCrowd in 2 parole?

ReCrowd è una piattaforma di investimento digitale che fa da ponte tra investitori e immobiliaristi in cerca di capitali.

ReCrowd è nata nel 2019 ed ha raccolto in fase di startup una cifra enorme, ben 418.000€ su OpStart. L’obiettivo era 50.000€, quindi gli investitori hanno premiato la piattaforma con grandissima fiducia.


Chi sono i fondatori?

Ecco i fondatori di ReCrowd:

ceo recrowd

Qui in basso i loro profili Linkedin per assicurarsi che siano specialisti:

Questi ragazzi possono ritenersi piuttosto soddisfatti visti i risultati di marzo appena publicati:

resultati finanziario

 

Magari non sono numeri paragonabili a realtà più antiche e consolidate, ma sono comunque buonissimi numeri.


🎥 Video di ReCrowd su Youtube

Ecco un video introduttivo di ReCrowd su Youtube che risale a quando hanno raccolto per la prima volta capitale sul mercato per finanziare la propria piattaforma:

Con Recrowd il mattone diventa Smart

Direi che questo video spiega piuttosto bene il funzionamento e le aspirazioni di Re Crowd.


Quanto costa investire?

ReCrowd è un sito gratuito.

Chi investe non paga.

A sostenere la piattaforma ci pensa chi presenta i progetti da finanziare.


Come funziona ReCrowd?

In sostanza ReCrowd individua (o viene trovata) da imprese immobiliari che cercano capitali sul mercato. ReCrowd analizza i loro progetti e, se ci cono le condizioni, li pubblica sul sito.

Noi investitori possiamo scorrere tra i progetti e investire in quelli che ci sembrano più convenienti, sicuri o redditizi.

interessi recrowd

Il vantaggio per gli investitori come me è che se volessi investire da solo in case io dovrei spendere mesi ad andare in giro, visionare documenti e fare analisi di sostenibilità. Invece con piattaforme come questa trovo “la pappa pronta”. Un team di gente più esperta di me si è sparata lo “sbattimento” di leggere le carte e fare uno studio prima di pubblicare un affare immobiliare sul sito.

Il crowdfunding immobiliare è una scorciatoia efficiente per chi non ha tempo di investire in immobili nella vita reale.

Di fatto, investire in immobili somiglia più a un lavoro che a un investimento (chiedilo a qualcuno che ha 10 appartamenti…vedi cosa ti dice).

ReCrowd si occupa di crowdlending, ossia prestiti a immobiliaristi professionali. Quindi raccoglie il nostro capitale e lo fa investire in immobili. In cambio riceveremo interesse periodici molto alti.


Rendimenti ReCrowd al 10%?

Prima di qualunque investimento serve valutare il rapporto rischio / rendimento.

Nel caso del crowdlending immobiliare siamo davanti a investimenti fatti attraverso piattaforme autorizzate e supervisionate dalle autorità finanziarie (come nel caso di reCrowd). Purtroppo i rischi restano.

Per me l’unico modo di compensare un rischio alto è poter ricevere rendimenti adeguati.

Nel caso di reCrowd i rendimenti possono superare il 10% annuo e questo è un ottimo motivo per andare più a fondo.

In Italia ReCrowd ha già alcune migliaia di investitori iscritti.

Il rendimento atteso su ReCrowd è circa il 10% annuo

Ti fermo subito.

Questo è il rendimento medio su 12 mesi dei progetti che solitamente vengono pubblicati.

Su ReCrowd NON c’è alcun rendimento minimo garantito e nessuna garanzia sul capitale.

Quando investo in un progetto, generalmente blocco i miei soldi per alcuni mesi e ricevo interessi altissimi mentre si realizza il progetto.

Su ReCrowd registrandosi si possono vedere i vari progetti che la piattaforma sta per finanziare e anche quelli passati.

Registrarsi su recrowd è gratis e non comporta impegni ulteriori.


ReCrowd pro e contro

L’investimento minimo di soli 100€ e i rendimenti sono oltre il 10%

Questo è quello che attira molti investitori.

C’è da ricordare che però il deposito minimo è di 250€, ma è comunque una cifra irrisoria per chi vuole investire in immobili.

Si può usare la carta di credito per depositare e poi verificarsi in seguito. Quindi, in sostanza, posso iniziare a investire quasi immediatamente perchè NON devo aspettare i tempi di un bonifico bancario.

Come contro, la piattaforma è piuttosto nuova, non ha una lunga storia da raccontare, ma a quanto vedo fanno i tutto per garantire trasparenza.

ReCrowd tasse Sostituto d’imposta

Le aziende che raccolgono i nostri fondi su ReCrowd funzionano da sostituto di imposta.

In sostanza, alla fine dell’investimento in ogni progetto riceverò i miei rendimenti dove ho già pagato il 26% di tasse previste.

Questa è una semplificazione per chi investe con ReCrowd e la dichiarazione dei redditi.

Attenzione: non ti fidare di me. Io non sono un consulente fiscale e queste sono solo informazioni generali.

Infatti, al momento ReCrowd fa sapere che (in attesa di un chiarimento sulla normativa) potrebbe essere necessario pagare anche l’Irpef sui guadagni da ReCrowd, ma la situazione è in evoluzione. Dunque chi paga imposte in uno scaglione molto alto (alti redditi) ha una convenienze minore rispetto a che usa ReCrowd ed è in uno scaglione irpef basso.


Opinioni ReCrowd su il sole 24 ore

Il sole 24 ore ha parlato di Re Crowd tempo fa:

recrowd sole24ore

Come inizio su ReCrowd in 1 minuto

Vado sul sito www.recrowd.com

recrowd login

Serve inserire dati come:

  1. email
  2. password
  3. nome e cognome
  4. codice amico (puoi ignorarlo)

Io investo con grande soddisfazione su molti siti di crowdfunding immobiliare ma anche su siti di peer to peer lending. ReCrowd non mi sembra troppo diverso.

Se voglio investire cifre importanti forse faccio meglio a iscrivermi a più siti come questo perchè di progetti su cui investire non ce ne sono ancora decine al giorno, serve essere pazienti.

Questa è la lista di tutti i crowdfunding immmobiliari che conosco e tra questi, oltre a ReCrowd tengo d’occhio ReLender e Trusters.


Uscita anticipata dall’investimento

Al momento ReCrowd non ha un mercato secondario dove “vendere” i propri prestiti ad altri investitori. Per questo che investe deve tenere l’investimento fino a scadenza (6/18 mesi).

Piattaforme che offrono l’uscita anticipata sono queste: lista dei crowdfunding immobiliari italiani ed Europei.


Alternative a ReCrowd

In Italia ci sono circa 10 piattaforme che permettono di investire in progetti immobiliari online anche se si è piccoli investitori.

Quello che ho visto negli ultimi anni è che tutte le piattaforme pubblicano una certa quantità di immobili su cui investire ogni mese.

Se voglio diversificare mi conviene iscrivermi a tutte le piattaforme di immobiliare in crowdfunding e poi decidere su quali proprietà puntare di più.

La fortuna è che sono siti abbastanza simili e che inviano un’email ogni volta che arriva un affare immobiliare. In questo modo è facile gestire la cosa, anche se ne sto usando 4 o 5 contemporaneamente. Nella realtà si tratta di ricevere una decina di email al mese che ci avvertono di nuovi affari pubblicati. Collegandomi al sito posso vedere il progetto e decidere se investire. Non è difficile, ma se non si è sicuri, meglio non investire e cercare l’aiuto di un professionista.

Io ho iniziato investendo piccole cifre e poi sempre di più.

I rendimenti di ReCrowd sono un pò più alti rispetto ai suoi competitors.

Se penso di investire una cifra come 10000€ allora posso considerare le piattaforme di crowdfunding immobiliare come ReCrowd per una parte della mia asset allocation.


Statistiche ReCrowd

Ecco le statistiche più recenti di ReCrowd:

  • Rendimento annuo medio: +9%
  • Numero progetti finanziati: 149
  • Capitali raccolti: 88.707.552 €
  • Progetti conclusi: 75
  • Capitali restituiti: 24.184.384 €

I dati su ReCrowd mostrano una crescita impressionante rispetto ai competitors.

Questo lo rende il sito di investimenti in crowdfunding che preferisco in Italia.


ReCrowd dov’è? Contatti e indirizzo a Milano

ReCrowd ha la sede legale a Milano:

Via Domenico Scarlatti, 26, 20124 Milano MI

indirizzo contatti

Il numero di partita IVA è 10183800969

Il capitale sociale è piuttosto alto (buon segno): 642.365,52€

Il numero di telefono di ReCrowd è il:

029194506


ReCrowd come si accede?

Per accedere al sito ufficiale di ReCrowd si usa questo indirizzo web.

Basta registrarsi per vedere tutti i prestiti attivi e i dettagli dei progetti.

Possono investire i maggiorenni con un conto in banca intestato. Non si può investire per terzi.


Conclusioni

ReCrowd è un sito piccolo ma in crescita esponenziale. Chi si registra ora apprezzerà sicuramente un aumento dei volumi importante nei prossimi mesi/anni.

I rendimenti sono decisamente alti anche se nulla è garantito e il rischio resta.

Da “vecchio” investitore in crowdfunding immobiliare non posso dire nulla di male e resto estremamente curioso di seguirne l’evoluzione.


Scrivi nei commenti la tua opinione su Recrowd!



Quanto si paga per investire?

ReCrowd è gratis per chi investe. Registrarsi è gratis.

Quanto è il minimo investimento per provarlo?

100€ è l’investimento minimo.

Come sono le opinioni degli utenti di ReCrowd in giro?

ReCrowd non ha una lunga storia, ma per adesso sta mentendo le promesse.

Quanto si può guadagnare con Recrowd?

Con ReCrowd si può guadagnare tra l’8% e il 12% ma il rendimento reale dipende dal tipo di progetto, dai rischi che comporta e da altri fattori (fonte ReCrowd).

È stato utile questo articolo?

Fai click sulle stelle ↘️ per votarlo!

Voto medio 4.8 / 5. Numero: 1801

Sii il primo a votare questo articolo!

Se ti è servito questo articolo, ora fammi 1 favore: condividilo!

Coraggio, condividilo adesso!

Mi dispiace molto che non ti sia piaciuto questo articolo!

Miglioriamolo, dai!

Puoi dirmi cosa non hai trovato, per favore? (resterai 100% anonimo, non potrò sapere chi sei non potrò rispondere)

54 pensieri su “ReCrowd Opinioni: 🇮🇹 I Rischi e Come Funziona (Chi lo usa?)

  1. Alessio dice:

    Sul discorso tassazione c’è una cosa che non capisco quando sulle schede di dettaglio riportano la seguente dicitura:

    “Alla scadenza del contratto, indicato nel progetto immobiliare presentato, riceverai direttamente nel tuo wallet i capitali investiti e il rendimento generato al netto della ritenuta del 26% a titolo di acconto sugli interessi. Il netto ricevuto va portato in dichiarazione dei redditi e verrà tassato in base al proprio scaglione IRPEF di appartenenza, con conguaglio o meno su quanto già pagato”.

    Se ReCrowd, in quanto piattaforma italiana, agisce da sostituto d’imposta, trattenendo il 26%, allora perché dovrei poi inserire la somma netta nella dichiarazione dei redditi? Se la tassazione è al 26%, quali altre tasse dovrei pagare?

    Su questo punto secondo me creano un po’ di confusione…

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Alessio la normativa è in evoluzione, ma che io sappia, si paga il 26% e nient’altro, e lo pagano loro alla fonte.

      • BL dice:

        Se l’aliquota marginale Irpef del contribuente è più alta, es. 27%, bisogna pagare la differenza, va quindi dichiarato per il conguaglio, indicando importo interessi percepito e trattenute subite. Se l’aliquota marginale fosse più bassa si avrebbe un rimborso. Il 26 per cento è di fatto una ritenuta media di acconto.

  2. Nicola Boschetti dice:

    Ciao Sal e grazie per il lavoro che svolgi. Avrei una domanda su ReCrowd: ma se un progetto è al 90% del finanziamento, questo significa che se non raggiunge il 100% il progetto (e quindi l’investimento) non partirà? Oppure, nel momento esatto in cui io aderisco ad un progetto, il denaro investito inizia a “decorrere”? Grazie mille.

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Ciao Nicola.
      Bella domanda.
      No. Se un Progetto no arriva al 100% non parte e ti restituiscono subito i soldi.

      • Giovanni dice:

        Dipende dal tipo di investimento.
        Chi ha proposto l’investimento potrebbe anche integrare ciò che manca al raggiungimento dell’obiettivo.

      • Dex dice:

        Sta al proponente scegliere se accettare quel 90% o restituire i soldi. Ottimo articolo! Grazie per le informazioni accurate!!

  3. Marco dice:

    Ciao Sal! Confermo la serietà delle persone coinvolte nella piattaforma, anche solo grazie a quest’esempio:
    Nella pagina dedicata agli estremi per effettuare il bonifico era pubblicizzata la possibilità di cominciare ad investire da 500 euro…qui invece avevo letto cifre diverse. Ho chiesto riscontro a loro, mi hanno risposto subito e dopo un minuto la pagina del sito era modificata.
    Quando mai un’assistenza è così rapida? 😁
    Complimenti, a loro e a te per lo sbattimento che ti fai per farci entrare in un mondo ai più oscuro. Grazie

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Ciao Fulvio, per me, il crowdfunding immobiliare e il p2p lending sono i modi più semplice (ma non poco rischiosi) di avviare entrate passive a bassa manutenzione.

  4. Gloria dice:

    Ciao, io sono italiana ma residente all’estero e non ho conto bancario in Italia. Sai se e’ possibile comunque utilizzare la piattaforma con un conto corrente estero?

  5. Patrizia dice:

    buonasera non sono del campo e mi sorge una domanda (forse stupida) :poniamo il caso di un progetto che va a buon fine per quel che riguarda i finanziamenti e che quindi è iniziato. A metà dell’opera succede qualcosa ..qualsiasi cosa! e quindi fallimento, bancarotta gli operai non saranno pagati il progetto mai consegnato a chi l’ha davvero comprato e/o qualsiasi altra sciagura. Che succede agli investitori? grazie

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Lecita domanda, Patrizia.
      Qui nessuno è “del campo”, siamo tutti investitori appassionati.
      In questo tipo di investimenti e in quasi tutti gli investimenti di cui parlo, non esiste capitale e rendimento garantito.
      Per questo, su ReCrowd, se qualcosa dovesse andare storto su un progetto, devo mettere in conto che potrei perdere i soldi. Non tutti, solo quelli di quel prestito.
      Il punto è che, in media, investendo in crowdfunding immobiliare, i rendimenti sono così alti che strapagano quella volta in cui si perde su un progetto andato male.
      La mia esperienza con i prestiti immobiliari è assolutamente positiva.

  6. Claudia dice:

    Buongiorno, volevo sapere se il capitale viene restituito perché ho letto una recensione negativa di un investitore che non lo ha potuto recuperare. In questo caso come funziona? Grazie

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Ciao Claudia,
      ReCrowd e tutte le piattaforme che menziono non offrono mai capitale o rendimenti garantiti.
      In cambio, i rendimenti sono altissimi.
      È meglio evitare totalmente tutti questi siti se non si è pronti a correre rischi.

      L’investimento più “sicuro” di cui parlo comporta comunque alcuni rischi, ma almeno ci si può interfacciare con un consulente finanziario autorizzato che ci assiste.
      Questi sono i siti in questione se si ha una tolleranza al rischio non altissima:
      https://renditepassive.net/robo-advisor/

      Questi non sono consigli di investimento ma solo la mia opinione.

      https://renditepassive.net/investimenti-sicuri/

      Questi sono siti che uso io:
      https://linktr.ee/Rendite.Passive

      A presto
      Sal

  7. Fabio dice:

    Quando aggiorni i contenuti di un articolo come si capisce cosa e’ stato aggiunto/modificato rispetto a quello passato?

  8. Riccardo dice:

    Salve, una precisazione in merito alla tassazione:
    le piattaforme di crowdfunding non possono fare da sostituto d’imposta perché non ne hanno l’abilitazione e il lending crowdfunding non viene inquadrato come un prodotto finanziario, di conseguenza la tassazione del 26% applicata su tutti i profitti da investimento in Italia, non può essere applicata. Recrowd applica quindi la trattenuta del 26% a titolo di acconto direttamente alla fonte dal proponente e facendo poi portare in dichiarazione dei redditi la restante parte all’investitore.
    Il processo prevede quindi che al finanziatore al termine dell’operazione arriveranno sul suo wallet i capitali investiti ed i rendimenti generati al netto della ritenuta del 26% a titolo di acconto, il netto ricevuto va portato in dichiarazione dei redditi e verrà tassato in base al proprio scaglione IRPEF di appartenenza, con conguaglio o meno su quanto già pagato.
    Esempio: 10.000 investiti , rendimento 10% quindi 1000€. Scaglione IRPEF ipotetico del 43%. Tassazione del rendimento prima di 260€ (il 26% come ritenuta acconto) poi in dichiarazione altri 170€ che in totale fanno 430€ di tasse! Quindi il 10% di rendimento si traduce in un 5,7% netto cioè 570€…

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Normativa in evoluzione, ReCrowd conferma quanto affermi, Riccardo.
      Quindi nella peggiore delle ipotesi si paga anche l’IRPEF.
      Di buono c’è che pochi italiani sono nel tuo scaglione del 43%, per questo la tassazione media sarà più bassa di quella del tuo calcolo portato come esempio.
      Il 5,7% netto (o possibilmente un pò di più) resta un rendimento altissimo di questi tempi.

  9. stefano dice:

    Ciao, sono totalmente inesperto. Quando negli annunci degli investimenti di recrowd segnalano che mancano es. 43 giorni significa che allo scadere dei giorni se il progetto non ha avuto il 100% del finanziamento ti restituiscono il capitale investito? Se invece viene raggiunto il 100% parte il periodo di durata dell’investimento di 12 o 18 mesi (o quello che è)? Scusa la banalità e grazie per le info che stai condividendo

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Stefano non è una domanda banale, anzi.
      Il meccanismo è quello che descrivi.
      Per un periodo di tempo loro raccolgono il capitale, se alla scadenza non hanno ricevuto quello che gli serviva ma io ho aderito, i miei soldi tornano a mia disposizione per fare altri investimenti.

  10. Fayza dice:

    Buongiorno Sal
    Mi sono iscritta a Recrowd ieri..
    Volevo iniziare ad investire, ma non capisco una cosa:
    Nei progetti disponibili trovo quello completo al 100% in rosso. Altro completo al 100% in blu. Alcuni a dirittura al 103% in rosso.. E ci sono quelli che non hanno completato il 100%.
    Potrei sapere la differenza? E a quali progetti potrei investire?
    Grazie

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Ciao Fayza, ReCrowd prevede 6 categorie di prestiti (che trovi spiegati in home page) e li identifica con 6 colori.
      Credo tu possa investire in tutti e 6, ma non conosco i tuoi obiettivi e la tua tolleranza al rischio. Tiene sempre presente che, anche se ReCrowd è una buona piattaforma, comunque non offre rendimenti o capitale garantito.

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      No. ReCrowd mi apre un wallet dove posso fare un bonifico o versare con carta di credito.
      Successivamente, dal wallet posso usare i fondi per partecipare ai progetti.
      Io lo trovo semplice.

  11. Nicola C. dice:

    E’ di oggi la comunicazione del passaggio al nuovo servizio PituPay di Prestiamoci che “consentirà di ricevere gli interessi maturati sui progetti direttamente con tassazione al 26% a titolo definitivo”. Se ho capito bene, non ci sarà la possibilità di decidere se vedersi tassare come ritenuta d’acconto, giusto? Sarebbe interessante l’intervento di qualche fiscalista su questa fantastica pagina di approfondimento.

  12. Luigi dice:

    Ho iniziato a investire da qualche mese con Recrowd, ma poi mi sono fermato perche’ tutte le proposte di prestito recano le seguenti diciture:
    Il contratto di prestito non è coperto da assicurazione.

    Il proponente non ha concesso alcuna garanzia agli investitori.

    Quindi cosa ci puo’ impedire di perdere denaro se qualcosa va storto? I servizi esteri mi sembrano piu’ avanti da questo punto di vista, in particolare Mintos. Cosa ne pensi?

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Tutti gli strumenti come ReCrowd non offrono alcun tipo di garanzia su capitale o rendimenti.
      Per questo gli interessi sono così alti.
      Chi non può affrontare perdite definitive o momentanee dovrebbe evitare questi strumenti o limitare l’uso.
      Io li uso consapevole dei limiti e dei rischi.

  13. Gianpiero Neri dice:

    ReCrowd ottimo al momento. Sono investito da 2 anni. Tutto secondo promesso. Chiaro che sono prestiti rischiosi, ma finche va così va alla grande per me. Posso allegare foto dei miei progetti qui? Per confrontarmi con gli altri.

  14. Marco dice:

    Tassazione – IMPORTANTE:
    da febbraio tutti gli investimenti RECROWD saranno oggetto di tassazione alla fonte, con quello che ne consegue per noi italiani: niente Rw, niente da inserire nella dichiarazione redditi

  15. Toni dice:

    Buongiorno, mi sono iscritto appena alla tua mailing list. Vorrei chiederti una cosa. Io vivo e lavoro in Svizzera e vorrei iniziare ad investire nel Crowdfunding immobiliare. Non ho ancora ben capito come funziona la tassazione per chi risided fiscalmente fuori dall’Italia. Tu sai dirmi qualcosa? Mi consigli di usare ReCrowd o fiscalmente è piu semplice utilizzare una piattaforma estera?

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Ciao Tony, purtroppo non so rispondere a domande sulla fiscalità. La normativa cambia in fretta e tutti abbiamo situazioni diverse. Tra i siti esteri a me piace molto Estateguru

  16. Bob dice:

    Una cosa importante che nessuno dice è questa:NON CI SONO SPESE, MA LEMONWAY E RECROWD CAMPANO ALLA GRANDE SULLA VALUTA!
    Il mio investimento fatto a 12 mesi, tornerà (si spera) sul mio c/c bancario esattamente DOPO 395 GIORNI DAL GIORNO IN CUI LO HA LASCIATO.
    E la sottoscrizione è durata 1gg, fosse durata un mese erano ulteriori 30gg di valuta persi, guadagnati invece da lor signori.
    Quindi:
    2 gg x accreditare
    14 gg x diritto recesso (ci rinuncerei volentieri, ma non si può)
    4 gg x partenza ammortamento (non so come calcolino esattamente questa cosa)
    1 gg x giorni (oltre il primo) di sottoscrizione
    5 gg x rimborsare (se va bene) e qui c’è una grave pecca, non forniscono la contabile del bonifico, poi magari un’altra volta spiegherò che cosa è successo a qualcuno (17gg x incassare!)
    4 gg tra sabati e domeniche sempre nelle scatole
    Per cui: un ipotetico 10% a 1 anno (essendo di fatto a 13 mesi) fa scendere al 9,24% il tasso su base annua; se poi va la sottoscrizione dura un mese, allora crolla al 8,59% il tasso su base annua (cifre di tutto rispetto, ma molto diverse e non di poco dal dichiarato).
    E più i progetti sono a breve termine più questo fatto incide, perchè i 30-60gg (min-max) circa persi sono uguali per tutti.
    Avevo intenzione di fare una dozzina di investimenti; con queste premesse, unite alla rischiosità delo strumento, alla mancanza di un mercato secondario, all’assenza di proposte con fideiussione, ne ho fatto uno solo e sono già quasi pentito, aspetto che scada, mi faccio il segno della croce per il rientro e li saluto.

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Bob tutto quello che scrivi è nelle condizioni, non capisco la sorpresa. Se faccio un investimento vincolato per un anno è logico che i soldi li riprenderò dopo un anno con gli interessi.
      Io trovo normale che per avere rendimenti del 9% si debba aspettare ma ti ringrazio per il tuo contributo.

  17. Francesca dice:

    Ho partecipato a 13 operazioni, 3 concluse e correttamente rimborsate. Se un’operazione tarda si prendono ulteriori interessi per questo. Recrowd guadagna il 5% su ogni operazione che vengono pagati dallo sviluppatore immobiliare. Quando qualcuno investe dovrebbe leggersi tutto, conto economico incluso, non solo solo il rendimento.
    Le raccolte finiscono sempre più in tempi stretti. 30 gg di raccolta é il massimo, alcune operazioni fanno sold out in meno di un’ora. Ho appena partecipato alla sera di gala per festeggiare i primi 100 milioni di raccolta.
    Invito gli interessati a seguire le dirette di prese trazione dei vari progetti. In genere alle 13.30.
    Studiando investimenti immobiliari conosco alcuni sviluppatori immobiliari che han studiato coi migliori in italia e ultimamente investo solo nei loro progetti. Il rendimento dipende dalla bontà dell’operazione.
    E con gli immobili si può guadagnare tanto. Per quelli che seguono la tua interessante pagina e non ci credono …ci sono i conti deposito. Spiegagli che oltre al 26% c’é pure lo 0,20 da togliere 🤣

  18. Corrado dice:

    Un aspetto che è stato già affrontato ma che provo a riproporre perchè, da nuovo investitore nella piattaforma Recrowd e da “non esperto” in materia di tasse e dichiarazioni, non mi è particolarmente chiaro e può magari non esserlo anche per altri. Sulla piattaforma Recrowd viene indicato che “Per gli investimenti effettuati sulla piattaforma Recrowd, dal 8 marzo 2023, non è più necessario compilare il quadro RW. Grazie alla partnership con il servizio PituPay di Prestiamoci, che agirà come sostituto d’imposta, le persone fisiche residenti in Italia riceveranno gli interessi maturati sui progetti direttamente con tassazione al netto del 26% a titolo d’imposta, senza quindi ulteriori tassazioni. Non si dovrà compilare né il quadro RW né dichiarare il surplus dell’investimento” , mentere invece, all’interno di alcuni singoli progetti (non tutti) viene indicato “Alla scadenza del contratto, indicato nel progetto immobiliare presentato, riceverai direttamente nel tuo wallet i capitali investiti e il rendimento generato al netto della ritenuta del 26% a titolo di acconto sugli interessi se persona fisica residente in Italia.

    Il netto ricevuto va portato in dichiarazione dei redditi per le persone fisiche residenti in Italia e verrà tassato in base al proprio scaglione IRPEF di appartenenza, con conguaglio o meno su quanto già pagato.”.

    Ecco, questo aspetto forse può generare confusione e magari chi già investe in Recrowd ed è più esperto potrebbe svelare l’arcano…
    Grazie!

      • Corrado dice:

        Grazie a te, Sal, e a chi condivide preziose informazioni per la propria crescita finanziaria. Così, giusto per completezza d’informazione, ho contattato Recrowd che mi ha risposto in questo modo (quindi confermando quanto già riportato da altri utenti sul blog):
        “Buongiorno, ti confermo che a partire dal 08/03/23 abbiamo aderito al servizio PituPay di Prestiamoci, che agisce da sostituto d’imposta.
        Pertanto la ritenuta fiscale al 26% sugli interessi restituiti a partire da tale data viene effettuata a titolo definitivo e non sarà più necessario compilare il quadro RW e portarli in dichiarazione.
        La dicitura all’interno delle schede dei singoli progetti, è stata aggiornata per i progetti presentati a partire dal 08/03/23.”

  19. Marco dice:

    Ho in corso circa 40 investimenti, tutti puntuali e una decina rimborsati (anche in anticipo). Non ci sono garanzie. Il tutto si basa sulla fiducia che di questi tempi non ne gode neanche lo Stato (e mi pare tantomeno l’Ente Poste). La forza a mio parere sta nella griglia stretta di accesso dei proponenti (che chiedono i miei soldi) e grazie all’esame di due enti terzi del gruppo Gabetti che danno i rating tenico/finanziari) dei vari progetti. A fine febbraio entrano in gioco altri paletti di accesso grazie a garanzie richieste. Mi pare la migliore piattaforma immobiliare nel settore crowdfunding, unito al fatto che fa da sostituto d’imposta : forse è l’unica per noi italiani!

  20. Giuseppe dice:

    Come si fa ad avere delle statistiche di successo di Recrowd?
    Ci sarà stato almeno un progetto che è andato in ritardo, uno che invece è fallito, eccetera…
    Un track record trasparente secondo me è obbligatorio.

  21. bob dice:

    Circa i default, Recrowd non ha (per ora) dichiarato alcun default, ma ha 21 progetti in ritardo storico che rischiano seriamente di diventare soldi persi per gli investitori, perchè in Italia, se il titolare di una srl vuole tenersi i soldi, ha mille possibilità di farlo senza fare manco un ora di galera.

    Persino io che sono il re degli ignoranti, so che prestare soldi ad una srl senza garanzie significa andarsi a cercare guai (con buona pace delle triple A di Patrigest). Pare che Recrowd si sia svegliata ed ora chiede un po’ di cambiali a garanzia dei prestiti. Meglio tardi che mai.

  22. Lazzaro dice:

    Sto seriamente valutando di fare un primo investimento con loro. I tassi sono interessanti. Ora hanno almeno una scrittura che attesta il prestito. Sono combattuto. Grazie sempre di tutto.

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Hanno rimosso le statistiche dal sito web (o almeno io non le trovo più). È interessante sapere quanti progetti non sono andati a buon fine e che probabilità di recupero hanno.

  23. Marco dice:

    Circa 40 investimenti in portafoglio, nessun problema, call center puntuale, progetti sempre più “garantiti” da esami come fa la banca. Selezione ferrea dei richiedenti i miei soldi. Certo la fiducia è alla base…come di tutte le scelte quotidiane. Per me il fatto di evitarmi rogne fiscali ha un suo peso rispetto ad altre piattaforme anche italiane che non sono così chiare come questa. Sta evolve do verso importanti progetti “solidi” nei quali non vedo quasi rischi. Per me la diversificazione è data dalla pluralità dei soggetti che ho finanziato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: ⛔️ Questo materiale è protetto da © Copyright. Condividi questa pagina via WhatsApp poi aggiungila ai tuoi siti preferiti.