Come dichiaro i redditi da P2P lending? Le tasse? ✔️ Io ho fatto così

tassazione-p2p-lending-italia

COME PAGO LE TASSE SUL P2P LENDING?

LA TASSAZIONE SUL PEER TO PEER LENDING È AL 26%

O

VALE L’ALIQUOTA MARGINALE SUI REDDITI PERSONALI IRPEF?


Non sono un consulente, quindi per correttezza non scriverò mai: “per pagare le tasse sul Peer to Peer lending si fa così”. Riporto qui solo la mia esperienza e quello che ho appreso informandomi sul mio caso specifico e consultandomi con lettori e altri investitori.

Ho approfondito l’argomento “tassazione dei miei redditi da social lending” nella mia
NEWSLETTER + CHECKLIST PER P2P LENDING

Procediamo con ordine.

Per sfruttare il Peer to Peer Lending ho due opzioni:

  • Usare piattaforme italiane

  • Usare piattaforme estere


La semplificazione è arrivata nel 2018:

Investendo in P2P italiani non pago più le tasse a parte

Mi viene trattenuto il 26% alla fonte automaticamente

 


Rivoluzione nel P2P lending italiano

Dal 2018 la normativa sulla tassazione dei social lending (prestiti tra privati) italiani è cambiata.

È arrivata una semplificazione che vuole che i profitti da P2P lending vengano trattati da redditi da capitale ai fini delle imposte.

La tassazione dunque è del 26% fissa Condividi il Tweet

La novità sta anche nella modalità con cui viene applicata la tassazione.

Infatti saranno i portali stessi a farsi carico del calcolo e di applicare la ritenuta alla fonte.

Questo rappresenta, a mio parere, un nuovo fattore di convenienza per i social lending italiani.

Purtroppo dalle mie analisi i Social lending italiani continuano a rendere meno di quelli esteri.

Io uso prevalentemente Peer to peer lending esteri Europei (no offshore) per motivi di pura convenienza.

Sarei pronto a cambiare verso quelli italiani se si verificassero le giuste condizioni.

Inoltre spesso espongono a commissioni per me inaccettabili e i sistemi di buyback a volte sono solo parziali.

Alcuni P2P italiani pretendono che io partecipi (da investitore) addirittura ai costi di recupero crediti.

Io non ho investito con questi perché, per me, i fattori di cui parlo potrebbero arrivare ad azzerare i possibili rendimenti.

Non posso immettere delle variabili simili nel mio “business plan” di investitore, già devo valutare e gestire i rischi tipici dei prestiti e non voglio complicare il quadro. Non vedo la mia attività di social lending come una scommessa, ma come una fonte aggiuntiva di reddito.


Garanzia fondo interbancario nel P2P

Se investo in Peer to Peer lending sono protetto dal Sistema di Garanzia dei depositi Europeo fino a 100.000€?

  • Dipende

 

Queste informazioni sono ancora da verificare a pieno, e cambiano da uno strumento all’altro, ma per adesso ho appreso che:

  • Il capitale prestato sostanzialmente non è mai protetto dal fondo (mi sembra logico, per qualunque investimento è così)
  • Il capitale residuo depositato e non investito potrebbe godere della garanzia della banca che lo mantiene disponibile
  • Il capitale investito potrebbe essere non pignorabile, ma non ho trovato abbastanza informazioni a riguardo e non mi interessa

 

Quando investo in social lending la preoccupazione della copertura del fido di garanzia dei depositi Europeo è davvero marginale.

Questo perché sarà mia cura tenere quanto meno capitale possibile in liquidità senza fruttare.

Nelle FAQ del sito di P2B lending italiano BorsadelCredito trovo un accenno sulla questione.


È legale il social lending in Italia?

Andiamo avanti a sciogliere i dubbi:

– È legale il P2P lending?

Si.

Almeno lo sono i P2P lending Europei che uso io, legali ed autorizzati dai regolatori dei paesi europei dove risiedono.


– È legale tenere soldi all’estero?

Si.

È del tutto legale (parlo sempre del mio caso) rispettando alcune (semplici) condizioni.



Ripeto, io non sono, e non voglio essere, un consulente fiscale. legale o finanziario. Io non consiglio investimenti o soluzioni e ottimizzazioni fiscali.
Io gestisco i miei soldi e le mie attività online e ci tengo a rispettare la legge, sempre.

Quanto scrivo è sempre e solo frutto della mia esperienza diretta che condivido gratuitamente.
Proprio per questo bisogna ricordare che ciò che si applica a me potrebbe non valere per chiunque altro, soprattutto sul piano fiscale.


 È DIFFICILE DICHIARARE LE TASSE SUI P2P LENDING ESTERI?

  • IO NON L’HO TROVATO AFFATTO COMPLICATO

 

Lavorando ed investendo online ho dovuto documentarmi su tutto ciò che riguardava la gestione del denaro, e un aspetto non trascurabile è di sicuro la tassazione.

Ammetto che è stato più semplice del previsto.

Mi è bastato imparare a mettere i numeri giusti al posto giusto. Sono servite alcuni minuti per imparare a farlo e altri pochi minuti per eseguire la dichiarazione.


Fino a 15.000€ all’estero è ok?


Per quanto mi concerne trasferire o detenere denaro all’estero non è affatto proibito. Si applicano delle condizioni sopra certe cifre (parlo sempre del mio caso).

Alcune fonti (che reputo abbastanza attendibili) sostengono che non c’è obbligo di dichiarare cifre all’estero che non superano i 5000 / 15.000€ a certe condizioni. Io non sono riuscito a verificare questa informazione e a scanso di equivoci, nel mio caso, dichiaro tutto.

Per sciogliere la matassa sarei potuto andare dal commercialista, far fare tutto a lui, e devo ammettere che ne ho sentiti anche un paio di veri esperti di fiscalità internazionale.

Durante le mie ricerche ho scoperto anche che se io fossi un commercialista nel 2019, non aspetterei oltre a specializzarmi in fiscalità internazionale. Ho la sensazione che ci sia una crescente domanda di servizi simili.


E invece dal commercialista non ci sono più andato, perché purtroppo ormai ho sviluppato l’abitudine a studiare per capire ed imparare ogni argomento che mi incuriosisce.

La fiscalità è una aspetto interessante dell’investire online, non ci sono solo tasse, ma anche vantaggi e io devo conoscerli tutti.

Facendo trading, ad esempio, quando incasso una perdita, in molti casi (a seconda del prodotto) posso tenerla da parte come credito nello “zainetto fiscale”.

Nel P2P lending, al momento, non esiste la possibilità di mettere “da parte” eventuali perdite per compensare la tassazione sulle rendite. Negli UK invece è tutto più facile, e il Social lending è fortemente incentivato dallo stato.



 Altre domande frequenti:



C’e differenza di tassazione tra P2P italiani e quelli esteri?

✔️ Si. Quelli italiani agiscono da sostituto d’imposta, quelli esteri no.


I social lending italiani dal 2018 sollevano dunque l’investitore dal problema di portare i redditi in dichiarazione (assicurarsi che le norme non siano già cambiate).


Come pago le tasse con Mintos

Io che investo con Mintos, Bondora, e tanti simili (esteri dunque) devo semplicemente dichiarare quanto posseggo e i rispettivi rendimenti fuori dal paese.

Per fare un esempio pratico di come faccio, sia Bondora che Mintos, hanno un tasto apposito per farlo.

Alla fine dell’anno (o quando mi serve) richiedo ai portali dove sono investito di produrre un resoconto ai fini fiscali.

È gratis ed immediato ottenerlo.

Su Mintos si chiama “Tax Report” e lo trovo (in alto a destra) facendo click sul Mio nome / My Account / Tax Report

Mintos, ecco come ho generato il mio report fiscale:


Come pago le tasse con Bondora

Sul Bondora si chiama “Report fiscale”:

Bondora screenshot del mio account del menù per scaricare il mio resoconto dell’anno

Bondora screenshot del mio account del menù per scaricare il mio resoconto dell’anno

 


Per fare le cose a regola d’arte ho deciso che la mia fonte di informazioni principale sarà esattamente l’ente italiano che si occupa di tributi. Per non sbagliare ho contattato la massima autorità e ho chiesto consiglio ed è stato molto meglio che chiedere al commercialista.

Le risposte sono state assolutamente complete ed esaustive.


Quello che mi serve sapere è che (nel mio caso):

LA NORMATIVA IMPONE CHE LA REMUNERAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO NELLE PIATTAFORME DI P2P LENDING ESTERE SIA TASSATA AD ALIQUOTA MARGINALE IN SEDE DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI


Tabella rendimenti netti P2P lending

Questa è un’ipotetica tabella di simulazione di tassazione dei proventi da Peer to Peer lending applicabile al mio caso. Le informazioni sono solo indicative.

Questa è un’ipotetica tabella di simulazione di tassazione dei proventi da Peer to Peer lending applicabile al mio caso. Le informazioni sono solo indicative.

Non scenderò in ulteriori dettagli perché non trovo corretto che quanto scrivo possa essere interpretato per una soluzione universale. È necessario documentarsi o rivolgersi al commercialista.

Posso dire solo che ho usato un ordinario modello redditi che ho compilato io stesso, come faccio sempre, sezione I-A del Quadro RL del Modello REDDITI 2019 nel rigo RL2, indicando nella colonna 1, il codice “1”.

Ecco il parere aggiornato al 2020 dell’ADE. Il documento completo è nella newsletter.

tasse-p2p-lending-redditi-RL

 

Non ho dovuto versare l’IVIE ma ho usato il semplice quadro RW ai fini del monitoraggio fiscale.

Tanti mi chiedono se è giusto pagare il 26% di imposte sui redditi P2P esteri come si fa con quelli italiani.

Io non l’ho fatto e non lo farei visto che non è previsto, tuttavia esiste il “Ravvedimento operoso” che comunque risolverebbe il problema anche in caso di errori. Meglio sempre chiedere a un commercialista sveglio.

 

LINK ALLA NEWSLETTER CON PIÙ DETTAGLI

 


So che questo tipo di informazioni costano un bel po’ dal commercialista, ma trovo giusto che i professionisti più preparati si facciano pagare per le loro conoscenze e per le garanzie che offrono.

Ogni caso è differente.

Quanto mi è stato indicato per pagare le tasse sui redditi da peer to peer lending potrebbe non essere adatto a chiunque, quindi è essenziale rivolgersi allo specialista, all’Agenzia o raccogliere più informazioni a riguardo del proprio caso specifico.

È facile notare che il linguaggio che uso non è né raffinato, né tecnico. L’argomento non mi appartiene e non è il mio lavoro.

Spero comunque resti tutto comprensibile, mi scuso per eventuali inesattezze e accetto suggerimenti e contributi per migliorare quanto ho liberamente condiviso.


Io condivido gratis quello che ho imparato, se vuoi ringraziarmi condividi questo articolo, lo apprezzerei.

Sarebbe un bel gesto, perché questo è il blog gratuito sull’indipendenza finanziaria e il p2p lending più letto d’Italia.

26 pensieri su “Come dichiaro i redditi da P2P lending? Le tasse? ✔️ Io ho fatto così

  1. Michele Fucentese dice:

    Ciao Salvatore, ti seguo sempre e penso che sei davvero bravo!
    Ti volevo chiedere una cosa, un amico che investe anche lui in P2P esteri ha sentito dire a qualcuno che per quanto riguarda questi investimenti, bisogna pagare anche l’IVAFE! Tu ne sai qualcosa? Grazie

    • Rendite Passive dice:

      Grazie delle belle parole, Michele.
      Preferisco non sovrappormi al lavoro del commercialista, spero capirai. Fiscomania ha scritto qualcosa a riguardo (non si paga sotto i 5000€), loro sono esperti e autorizzati. L’agenzia delle entrate è un’altra ottima fonte di informazioni gratuita, autorevole e attendibile (lo è stata per me).

  2. Gian dice:

    Ciao Salvatore,
    domanda: La dichiarazione dei redditi va fatta ogni anno o solo l’anno in cui le entrate del P2P Landing vengono prelevate?

    Grazie in anticipo

    • Rendite Passive dice:

      Benvenuto Gian, come sempre rispondo da puro investitore. Io dichiaro quanto produco anno per anno, non al momento del prelievo. La mia fonte di informazione: agenzia delle entrate. La procedura è semplice, ho usato un banale 730 pre-compilato. Esistono eccezioni? Bondora sostiene che il suo Go & Grow 6,75% ha una struttura differente e quindi serve dichiarare solo al momento del prelievo ma credo sia meglio chiedere al commercialista a riguardo.

      • Rendite Passive dice:

        Investire all’estero è totalmente legale (non offshore) se l’obiettivo non è nascondere i soldi, quindi chiamare l’ADE per chiedere come dichiarare è una buona soluzione.

  3. Giovanni dice:

    Ciao, ti seguo con molto interesse e mi sto informando prima di partire. Ho dubbi che non sono riuscito a chiarire in materia fiscale.
    In caso di apertura di una posizione su siti esteri:
    1. gli interessi sono soggetti al 26% (capital gain) o si usano gli scaglioni IRPEF (pareri discordanti in internet) ?
    2. bisogna compilare il quadro RW del 730 ?
    3. l’importo che si trasferisce sulla piattaforma è assimilabile ad un conto corrente o libretto ? E’ soggetto all’imposta di bollo di 34,2€ ?
    4. oppure è soltanto la giacenza media della quota non investita ad essere asimilabile ad un c/c o libretto ?
    5. oppure nessuno dei precedenti e l’imposta è lo 0,2% ? Applicata alla sola quota non investita ?

    Tu come ti regoli ?
    Grazie 1000!

    • Rendite Passive dice:

      Per me ho fatto un banale pre compilato. Mi permetto di consigliarti di telefonare perché quanto previsto per me non posso garantire che valga per chiunque e non voglio diffondere inesattezze, c’è già chi lo fa.
      Aggiungo solo che chi investe a inizio anno ha tempo fino a giugno dell’anno dopo per dichiarare.

  4. theBos dice:

    Ciao, vorrei chiederti come hai inserito i dati nel quadro RW:
    hai compilato più quadri RW, uno per ogni piattaforma in cui investi, oppure uno soltanto in cui hai sommato tutte gli investimenti (ad. es. Mintos+bondora)?
    2) nel caso in cui io abbia effettuato, nello corso dell’anno, un primo bonifico a marzo di 1.000, poi dopo 2 mesi un secondo bonifico di 8.000, ed infine il 30/12 abbia prelevato tutto dalla piattaforma, cosa dovrei indicare nei campi VALORE INIZIALE e VALORE FINALE?

  5. Andrea dice:

    Ciao e grazie per tutto. Al link c’è solo l’iscrizione alla newsletter e sono già iscritto, ma non vedo i dettagli per la consolazione come dici. Sarebbe gradito. Ti ringrazio

    • Rendite Passive dice:

      Maggiori dettagli su questo argomento arrivano solo dopo qualche settimana, non nella prima newsletter, Andrea. Per trovare soluzioni specifiche immediatamente serve sentire un professionista dedicato o la stessa agenzia delle entrate (che vale più di 100 commercialisti non specializzati nel settore).

  6. Roberto dice:

    Buongiorno, solo una domanda: continui ad utilizzare il quandro D del 730 per dichiare gli interessi anche dopo la risposta dell’AdE all’interpello che indica esplicitamente il quadro RL?
    Grazie

    • Rendite Passive dice:

      Grazie del commento costruttivo, Roberto. Questo articolo non era più aggiornato, ho aggiunto il riferimento che mi segnali in alto nell’articolo perchè lo reputo attendibile e utile a tutti i lettori. Grazie ancora della segnalazione.

  7. Lazzaro dice:

    Vi segnalo che l’agenzia delle entrate mi aveva indicato, per tali redditi, di compilare il quadro RM !! Al riguardo la stessa affermava che i redditi di capitale di fonte estera diversi da quelli che concorrono a formare il reddito complessivo del contribuente (che vanno dichiarati nel quadro RL, sez. I), percepiti direttamente dal contribuente senza l’intervento di intermediari residenti. vanno indicati nel quadro RM.
    Ho quindi inserito in tale quadro i redditi da p2p.
    Leggendo quanto scritto nei commenti del blog sopra riportati qualcosa non torna.
    Grazie in anticipo delle riflessioni che verranno.

  8. Lazzaro dice:

    Scusate, per quest’anno è effettivamente il quadro RL da compilare oltre all’RW. Se qualcuno conosce un consulente che se ne intende a Roma me lo indichi. Un Grazie al curatore del presente blog, sempre interessante.

  9. Fabio dice:

    In caso di più piattaforme di p2p lending, nel quadro RL va inserita la somma di tutti gli interessi o devo compilare più volte lo stesso quadro uno per ogni piattaforma come per il quadro RW? (non so se si può fare)

    • Rendite Passive dice:

      Ciao Fabio, io compilo più volte il quadro. Non ho la presunzione di affermare che sia giusto perchè non sono un commercialista.

  10. Luca dice:

    Buongiorno,
    Intanto ringrazio per il lavoro che c’è dietro questo blog utile e pieno di informazioni.
    Ho un dubbio, i bonus percepiti dalle varie piattaforme di p2p vanno dichiarati come reddito da capitale o sono esenti?
    Grazie

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Credo sia una facendo complessa, molto meglio chiedere a uno specialista, io non so rispondere adeguatamente. Una certezza è che non possono essere esenti.

  11. Andrea Iacoponi dice:

    Ciao, mi fa piacere che hai riportato la risposta dell’AdE sul P2P. Quando scrissi l’interpello, speravo una risposta diversa (avevo proposto una soluzione logica che equiparasse il P2P estero a quello italiano), ma così non è stato e sicuramente la soluzione dell’Agenzia non è molto favorevole per molti.
    Riguardo a Crowdestate, invece, ho dubbi su quanto hai scritto. E’ vedo che trattengono il 26% dell’interesse, ma dubito che questo significhi che questo chiuda la partita. La risposta dell’AdE poggia infatti sul fatto che la piattaforma sia iscritta all’Albo della Banca di Italia, cosa che CrowdEstate non è.
    Questo anche se nel loro sito scrivono che “gli interessi vengono restituiti al netto della ritenuta d’imposta del 26% (la società Sponsor opera come sostituto d’imposta)”. Nel caso migliore ritengo la ritenuta debba essere intesa a titolo di acconto, da integrare in fase di dichiarazione dei redditi (il prossimo anno dovrò dichiarare anche i redditi di loro e chiarirò questo aspetto).

    • Sal @ Rendite Passive dice:

      Eccellente contributo il tuo, Andrea.
      Il tuo discorso fila e appena posso darò uno sguardo anch’io nello specifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: ⛔️Il materiale che stai cercando di copiare è protetto da © Copyright. Metti un link a questo contenuto invece di copiarlo.