Le migliori piattaforme di p2p lending europee 2020

migliori siti p2p lending italiano

Qual’è lo strumento di p2p lending migliore, per chi investe dall’Italia?

 

Esiste uno relativamente “sicuro” ed efficace?

 

Secondo me un buon sito di P2P lending ha delle caratteristiche precise

 

Qui riporto la lista dei P2P che preferisco [e anche quelli sfigati che ❌ evito]


Tempo di lettura: 3 min

Lista breve dei migliori P2P lending:

 

  1. Mintos (max 18% -- il più grande)
  2. EstateGuru (max 12% -- Il maggiore per immobiliare)
  3. Bondora  (max 20% -- Il più antico in €)🇮🇹
  4. Flender (max 16% -- il tasso di default più basso)
  5. CrowdEstate (max 14% -- Immobiliare con rendimenti alti)🇮🇹

Il Social Lending (P2P) sta rivoluzionando il modo in cui privati, aziende e immobiliaristi cercano finanziamento sul mercato.

 

Soprattutto i prestiti tra privati stanno avendo grande successo.

 

Chi cerca un prestito fuori dalle banche e chi vuole alti rendimenti per i suoi risparmi adesso, si incontra online.

 

Ma come scegliere il miglior sito di “social lending”?

 

Il peer to peer lending e più che una semplice curiosità o moda passeggera, sta provando a diventare un modo per generare rendite passive con discreto rapporto rischio/rendimento in era di tassi zero.

 

Tutti cercano una classifica dei migliori p2p lending per poter scegliere con sicurezza.

 

Queste soluzioni però non sono sempre paragonabili, quindi analizziamole e troviamo la miglior risposta per tutti.


Ecco il mio punto di vista sui migliori p2p lending in italiano per chi investe in euro.


Prima di continuare ora ti invito a ripagare l’impegno e la ricerca che ho messo nello scrivere questo articolo: ti basterà condividere il post! A te costa zero, per me è motivo di soddisfazione! Grazie!


Bondora⭐️⭐️⭐️⭐️

P2P famoso (in italiano🇮🇹)

e accessibile dall’Italia (>15%)

 Homepage Bondora p2p lending Italia Europa
Più di 13000 Italiani risultano iscritti a Bondora (fonte Bondora 2020)

Famosa e anche discussa, anche se la stragrande maggioranza di chi ha investito con prudenza non se ne lamenta affatto, anzi, gode di interessi ancora più alti di quelli attuali (se ha iniziato già da qualche anno).

Bondora in passato (e un pò meno adesso) ha processato anche prestiti a rischio medio-alto con annessi rendimenti annuali stratosferici. Questo ha attratto alcuni investitori che però hanno poi visto alcuni di questi prestiti finire nel meccanismo del recupero, che non è sempre immediato e risolutivo. I prestiti in offerta spaziano dal rating AA (ottimo) fino all’HR (alto rischio).

Evitare i prestiti cattivi è più facile ora.

I prestiti Bondora possono arrivare da Finlandia, Estonia e Spagna.

La valuta usata è solo l’euro e gli acquisti vengono fatti prevalentemente attraverso strumenti di portafogli automatici.

Ancora oggi facendo dei test su Bondora sono riuscito a simulare rendimenti oltre il 40% col Portfolio PRO.

I prestiti che rendono così tanto sono rischiosi e per me non ha alcun senso prenderli.

Io mi sono iscritto a Bondora, pochi minuti dopo avevo già versato 750€ con carta Visa ed avevo programmato il “Portfolio Pro” (evitando i prestiti più rischiosi).

Naturalmente mi ero documentato prima e non è stato niente di complicato.

Per approfondire basta leggere “da zero a Bondora” e imparare in 2 minuti come NON si usa il Portfolio PRO.

Bondora è disponibile in Italiano e ci sono già circa 13000 iscritti dall’Italia.

 

Bondora info:

  • Investimento minimo: 5 €
  • Rendimenti: dal 4% al 59% (teorico)✅
  • Liquidazione anticipata: SI
  • Rete garanzia: NO
  • Esperienza online: Sito facile, ma aspetto troppo “cartoon”. Rendimenti potenzialmente molto alti.
  • Lingue: 24 (Bondora è anche in italiano🇮🇹)
  • Bonus nuovi iscritti: 5 €✅
  • Leggi i termini d’uso di Bondora

Extra: Io evito i prestiti D-E-F-HR e la Finlandia, tutto mi funziona benissimo

Conosci meglio Bondora

Visita Bondora


Flender⭐️⭐️⭐️⭐️

Prestiti a imprese a condizioni vantaggiose

Jamie Heaslip's 10/10 - Fast Business Finance with Flender.ie

Flender ha una caratteristica che lo distingue da tutti gli altri P2P:

I basso tasso di ritardi nei pagamenti dei prestiti

Solo l’1,1% dei prestiti ha avuto problemi (è pochissimo)

Flender  è Irlandese ed esiste dal 2015. Il suo successo è dovuta alla struttura che gli hanno dato i suoi fondatori, che si mette di fianco alle piccole imprese.

Il sito mi piace, è facile da usare anche la funzione “auto-invest” (guarda il mio video).

Informazioni aggiuntive:

  • Investimento minimo: 50€
  • Rendimento: fino al 15%✅
  • Liquidazione anticipata: No
  • Rete garanzia: No
  • Esperienza online: Ottima
  • Lingua: Inglese
  • Altermative: Lendix/October/ Grupeer
  • Bonus nuovi iscritti: Enorme -- Il 5% dell’investito nel primo mese

Extra: Io evito i prestiti classe “V” per prudenza

Conosci meglio Flender

Link al bonus Flender


Lendix/October⭐️⭐️

 

Prestiti alle aziende, non ai privati (8%)

 Lendix fa prestiti alle imprese, 6 esempi di progetti Lendix

È molto affascinante quindi scorrere tra i progetti pubblicati sul sito e selezionare quelli a cui dare fiducia come farebbe un Venture Capitalist!

A differenza di quest’ultimo però avrò il privilegio di espormi per un minimo di soli 20€, e quindi magari prestare poco a tanti progetti diversi.

L’investimento è bloccato fino a scadenza e i rendimenti, se pur molto più alti della media bancaria, non superano il 10%.  Dare soldi alle imprese è di sicuro equivalente a dare una spinta all’economia reale.

Le lingue sono francese, spagnolo, inglese e italiano.

 

Lendix info:

  • Investimento minimo: 20 €
  • Rendimenti: dal 5% al 9% circa
  • Liquidazione anticipata: NO
  • Rete garanzia: NO
  • Esperienza online: Bello e serio, rendimenti in discesa
  • Lingue: fra/ita/eng/esp
  • Bonus nuovi iscritti: 20 € da investire
  • Alternative: Flender (16%) Crowdestor (20%)

Extra: Studio le statistiche prima di investire

Leggi cosa penso di Lendix

Visita October / Lendix

 


Mintos⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

(la più grande e popolare)

 

Prestiti di 7 tipi in decine di paesi (non ancora in Italiano)

 

Mintos RenditePassive

 

Mintos non è la migliore per rendimenti (comunque sostanziosi, circa il 12%), ma si classifica nettamente prima per molti altri parametri.

La diversificazione, sia di tipologia sia geografica, che mi garantisce Mintos è unica.

Questo la rende presumibilmente più sicura.

Non connette semplicemente i prestatori a chi prende i prestiti, ma ci connette ai prestiti di vari “originatori di prestiti”, che altro non sono che società di credito locali o internazionali.

In capo alla maggior parte di queste ricade l’onere di riacquistare i prestiti che non vengono onorati da più di 60 giorni.

Questa protezione si chiama Mintos BuyBack.

Quindi attenzione, non è Mintos a farsi carico dei debiti ritardatari e le finanze di Mintos sono (quasi sempre) separate da quelle degli originatori. Mintos ha più di 200’000 investitori attivi provenienti da 64 paesi. A differenza di altre soluzioni offre prestiti in 7 valute.

Non sono previste commissioni per usarlo.

 

Mintos info:

Extra: Inizio con “Invest & Access” ma poi uso anche custom strategy

 

Conosci meglio Mintos

Visita da solo Mintos


Smartika⭐️

è italiana ed è regolata da Banca d’Italia

 Smartika prestiti p2p Italia

Orgogliosamente Italiana, esiste da molti anni, anzi è stata una delle prime in Europa, è legale e sicuro come strumento di social lending.

I rendimenti per chi investe sono leggermente più bassi dei competitors ed il sito è solo in italiano. Quello che non mi fa impazzire di Smartika è la commissione dell’1% sul “prestato” e la partecipazione di chi investe nelle spese di recupero crediti (pessima idea).

Smartika info:

  • Investimento minimo: 20 €
  • Rendimenti: 5%
  • Liquidazione anticipata: Si (si applicano condizioni)
  • Rete garanzia: NO
  • Esperienza online: Rendimenti nella norma.
  • Lingue: ita

Extra: Sentire il servizio clienti prima di iniziare

 

Fixura⭐️

Cattiva esperienza per me. Sto uscendo da Fixura

 Il mio portafogli con Fixura

Il mio portafogli con Fixura

Fixura fa pagare il 2% in commissioni addirittura sul depositato. Così che se trasferisci denaro e poi cambi idea paghi comunque il 2% (pessimo).

La classificazione è fatta con stelle da 1 a 5 e i rendimenti vanno dall’8 al 26%. L’investimento è bloccato fino a scadenza, quindi curarsi di disattivare l’autoinvest una volta che tutto il capitale è stato impegnato. I ratings in Finlandia non sono affidabili (stesso problema su Bondora dove però posso evitare facilmente la Finlandia). 

Fixura info:

  • Investimento minimo: 25 €
  • Rendimenti: dal 8% al 26%
  • Liquidazione anticipata: NO
  • Rete garanzia: NO
  • Esperienza online: Rendimenti potenziali alti.
  • Lingue: 3 (no ita)
  • Bonus nuovi iscritti: NO
  • Commissioni: 2%
  • Alternative: Bondora/ Mintos

Extra: Io non la uso più. Preferisco senza dubbio  Bondora e Mintos

Conosci Fixura  (..così la eviti)

Estateguru⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Prestiti garantiti da immobili reali

È uno dei miei siti di investimento preferiti

estateguru-rendimenti-dafault
Il tasso di prestiti con problemi di EstateGuru è molto basso, solo il 2,2% a fronte di rendimenti a due cifre.

Con EstateGuru investo in frazioni di immobili, prevalentemente in paesi Nordici.

Sto imparando un sacco sui prestiti immobiliari in crowdfunding e adoro questo sito.

Informazioni su Estateguru:

  • Investimento minimo: 50€
  • Rendimento: fino al 12%✅
  • Liquidazione anticipata: No
  • Rete garanzia: Prestiti garantiti da immobili
  • Esperienza online: Spettacolare. È bellissimo scegliere i progetti.
  • Lingua: Inglese + 3
  • Altermative:  Evo Estate
  • Bonus nuovi iscritti: Lo 0,5% dell’investito

Extra: Preferisco prestiti “development” e “bridge”. LTV <60%. Extra tip? Evito i prestiti garantiti da terreni.

LEGGI COSA PENSO DI ESTATEGURU

Visita la pagina bonus di EstateGuru


Peerberry ⭐️⭐️⭐️⭐️

…è legato ad un grosso ed affidabile gruppo Europeo

Può essere una buona alternativa a Mintos in quanto gli somiglia

peerberry opinioni
Questo è il fondatore e CEO di Peerberry

Informazioni aggiuntive:

  • Investimento minimo: €
  • Rendimento: fino al 12%
  • Liquidazione anticipata: Si 
  • Rete garanzia: Si
  • Esperienza online: Normale
  • Lingua: Inglese
  • Altermative: Mintos / VIventor / Swaper
  • Bonus nuovi iscritti: X

Extra: Ottimo per diversificare e dunque abbassare il rischio P2P (che esiste)

 

VISITA DA SOLO PEERBERRY


Twino⭐️⭐️

(molto grande e consolidata)

 

Struttura molto simile a Mintos, ha scambiato 1 miliardo di euro in prestiti dal 2009.

 

twino-p2p-renditepassive

 

Twino rende circa l’11% all’anno.

Offre garanzia di buyback dei prestiti se questi vanno in ritardo di 60 giorni.

È una piattaforma seria e diversificata geograficamente.

Può essere una buona alternativa/supplemento a Mintos.

Non sono previste commissioni per chi presta.

 

Mintos info:

  • Leggi i termini e condizioni d’uso di Twino
  • Investimento minimo: 10 €
  • Rendimenti: dal 7% al 12%✅
  • Liquidazione anticipata: SI
  • Rete garanzia: SI
  • Esperienza online: Intuitivo. Numeri chiari.Rendimenti piuttosto alti.
  • Lingue: 3
  • Bonus nuovi iscritti: X
  • Alternative: Peerberry

Extra: Inizio con “Invest & Access” ma poi uso anche custom strategy

 

Visita da solo Twino


 Scarica la mia checklist per il Peer to Peer Lending
Scarica la mia checklist semplificata per il Peer to Peer Lending



Social Lending in UK

 Finanza innovativa UK

Il Regno Unito è senza dubbio il più grande e strutturato mercato di p2p lending, purtroppo è poco accessibile ai non residenti.

In UK in alcuni casi è possibile richiedere anche agevolazioni fiscali per questo tipo di investimenti. Si chiama IFISA (Innovative Finance Individual Savings Accounts) e consente di investire fino a 20.000  sterline all’anno tax free (cumulabili).


🇬🇧P2P basati in UK

(prevalentemente per residenti UK)

  1. Funding Circle
  2. Ratesetter
  3. Zopa


Funding Circle è la più famosa p2p inglese,

ora disponibile anche negli USA.

La prima volta che ho sentito parlare di p2p si faceva rifarimento proprio a Funding Circle e da lì mi si aprì un mondo (bellissimo). 

Funding Circle info:

  • Investimento minimo: 20 GBP
  • Rendimenti: dal 4,8% al 7,5%
  • Vendere prestiti: SI
  • Rete garanzia: NO
  • Esperienza online: Sito moderno e user experience al top. Rendimenti molto alti.
  • Lingue: 3 (no ita)


RateSetter

(Solo per residenti UK)

(57’000 investitori e nessuno dei quali ha perso un penny..) 

RateSetter info:

  • Investimento minimo: 1 GBP
  • Rendimenti: dal 4,4% al 5,9%
  • Vendere prestiti: SI nel 99,6% dei casi
  • Rete garanzia: SI
  • Esperienza online: Sito gradevole. Rendimenti medio bassi.
  • Lingue: eng
  • Bonus: 100£ (si applicano condizioni, solo UK)


 Zopa

(Solo per residenti UK)

 Zopa the oldest p2p lending

Una volta quando si cercava un prestito si andava in banca, Zopa rivoluzionò tutto questo introducendo il social lending e usando internet come mezzo per far connettere chi cercava un prestito con dei prestatori.

Zopa info:

  • Investimento minimo: 10 GBP
  • Rendimenti: dal 3,7% al 4,5%
  • Vendere prestiti: SI (commissione dell’1%)
  • Rete garanzia: NO (dal 2017)
  • Esperienza online: Sito eccellente, trasparenza e usabilità al massimo.
  • Lingue: eng
  • Bonus nuovi iscritti: 50 £ (si applicano condizioni, solo UK)

 


🤷‍♀️ Cosa significa “peer to peer lending”

Il successo del peer to peer iniziò con il file sharing musicale, poi con quello dei film ed ora con il p2p streaming sportivo e il p2p dei pagamenti. Ora l’attenzione è tutta sul p2p lending, quello dei prestiti, e non è difficile capire il perché.

Il funzionamento è semplice:

I prestiti già approvati da alcune società finanziarie vengono parzialmente o totalmente offerti e frazionati online.

Chi vuole investire ne analizza rischi, caratteristiche e rendimento usando le info messe a disposizione dai siti dedicati. Anonimamente si procede all’acquisto singolo, automatico o in blocco di prestiti con i criteri che posso impostare.

La facilità e l’immediatezza dell’operazione lasciano sbalorditi. La spiegazione sta nel fatto che molte di queste piattaforme sono frutto di tecnologie finanziarie molto recenti e sono strutturate in modo da ridurre la diffidenza degli utenti.

L’argomento p2p è ancora “fresco” e poco trattato, tutti si chiedono se è meglio Bondora o Mintos, oppure Borsa del Credito contro Lendix!


❌Il social lending non è per tutti

Questo stà diventando vero per due ragioni, una è legata alleccesso di richiesta di prestiti di qualità da parte degli investitori su alcuni siti (vedi Zopa e Bondora), un’altra è legata alla corretta valutazione dei rischi potenziali.

È corretto spendere un pò di tempo per valutare il profilo di rischio/rendimento di ogni strumento e non tutti hanno il tempo o la pazienza di farlo.

D’altra parte i rendimenti del P2P lending sono (logicamente) nettamente superiori a quelli che offre il mercato del capitale garantito, in quest’epoca di tassi bassi e bassa inflazione.

Questo blog non sollecita all’investimento, ma può ispirare chi è alle prime armi, chi vuole salire di livello e chi non ha tempo di studiare i meccanismi.

C’è dunque da tener presente che non sempre i prestiti sono garantiti e, anche quando lo sono, si applicano sempre limiti e condizioni.

Io ho trovato ragionevole comunque scegliere soluzioni che prevedano protezioni e/o prestiti con ratings onesti.

Il processo di investimento non è sempre immediato come ci si aspetta.

In genere si devono attendere alcuni giorni/settimane prima di vedere il capitale assegnato. Impostare parametri troppo restrittivi, agli acquisti nei portafogli automatici è in genere una delle cause della lentezza del processo.

Il rischio default di una piattaforma o di un originatore di prestiti non è mai da escludere. In Europa non sono segnalati casi clamorosi ma in Cina e UK, ad esempio, si. Generalmente le finanze dei siti di p2p lending sono ben separate da quelle degli utenti quindi, anche in caso di default, sono comunque possibili soluzioni a lieto fine.

Per il mio portafoglio globale il Peer to Peer Lending rappresenta uno strumento per distribuire il rischio di una  media fetta di capitale, godendo intanto di rendite automatiche. Il sistema di bail-in dei correntisti europei, che offre garanzia ai depositi bancari sotto i 100k euro, naturalmente non si estende agli investimenti in p2p.

Io non investo tutto il mio capitale in prestiti P2P ma uso più strumenti in più paesi per distribuire i rischi.

 Scarica la mia CheckList per il Peer to Peer Lending

Il social lending è regolamentato, non è il far west, le regole sono chiare e sono dettate dai regolatori di ogni paese.

Io non userei siti di peer to peer non Europei.

Tutti i siti elencati sono in grado di fornire informazione dettagliate sul servizio che offrono e sono normalmente ultra trasparenti, proprio per superare la diffidenza dei futuri utenti.

È bene tener presente che in genere le piattaforme che offrono tante garanzie mi lasciano rendimenti meno ricchi.

Le soluzioni più aggressive invece, insieme a rendimenti fotonici, mi possono procurare anche attese di recupero crediti su parte dei prestiti che inevitabilmente andrà in sofferenza. È qui che secondo me si può fare la differenza selezionando con cura, prudenza e buon senso.

Generalmente mi ricordo che a rendimenti alti si associano rischi adeguati.


Dubbi sull’eticità del P2P

Alcuni originatori di alcuni paesi scaricano su chi prende soldi in prestito tassi davvero molto alti.

Questo accade per una serie di ragioni che non sempre derivano da pratiche poco etiche. Da una parte alcuni di questi soggetti/aziende non troverebbero facilmente credito altrove. D’altra parte un prestito breve di pochi euro è naturalmente soggetto a costi fissi importanti (in relazione all’importo) che fanno lievitare il taeg/apr.

È possibile informarsi prima di investire per assicurarsi che i tassi applicati ai “borrowers” siano sostenibili.


★ No-Profit p2p Lending

 Kiva.org è un p2p lending no-profit

Per chi resta col dubbio e volesse fare la cosa giusta, magari anche a bilanciare “l’eticità” dei propri investimenti (per fortuna) esiste KIVA.ORG (5X⭐️!)

Su Kiva possiamo finalmente prestare senza interessi a persone con piccoli progetti in paesi in via di sviluppo. Io l’ho fatto e la sensazione di aiutare le persone è bellissima, il sito è stupendo ed è anche possibile regalare un coupon di 25 $ a chi vogliamo.

Non si fa profitto su Kiva, ma si ha la certezza di fare del bene, ed è bellissimo. Penso sia un’idea regalo straordinaria. Il sito è solo in inglese.

Simili a Kiva.org abbiamo  Trine.com (8% rendimento e molti prestiti con garanzia governativa ⭐️ ), fundeen.com  Landahand.com Zidisha.org  e BabyLoan.org (microcredito 2.0).


⭐️Riassunto + P2P preferiti

La maggior parte degli strumenti menzionati è stata testata approfonditamente.

I rendimenti più alti del 25% spesso, sono solo ipotetici.

Bondora e Mintos al momento sono (a mio parere) i più comodi per un piccolo/medio investitore italiano. Questo non è un consiglio ma solo la mia valutazione personale.

Mintos in realtà cominciano ad usarla anche grossi gestori e aziende.

 

Bondora ha rendimenti alti e “parla” anche italiano🇮🇹

Bondora ha il vantaggio di permettere l’investimento immediato via carta di credito Visa, e l’iscrizione via Facebook/Google.

Ho provato, funziona e, soprattutto, iscriversi poi non comporta alcun obbligo.

Mintos è più diversificata, ma comunque facile da usare.

Ambedue si possono chiudere in tempi ragionevoli, se necessario ed hanno automazioni che azzerano la “manutenzione”.

 

Tra i P2P immobiliari c’è meno scelta.

PropertyPartner è adatto ai grossi investitori. È solo in inglese e il profitto deriva dagli affitti e dalla plusvalenza realizzata in caso di vendita.

EstateGuru (12%) è lo strumento più grande per prestare soldi a imprese immobiliari. Il vantaggio? Immobili a garanzia del prestito. Mi piace.

Crowdestate (14%) è in italiano🇮🇹, offre anche prestiti garantiti da immobili (in Italia) e sta crescendo fortissimo.


Dì la tua!

Cosa manca in questo articolo?

Raccontami la tua esperienza col P2P nei commenti!


 

Cosa mi piace di Mintos?

Mintos è il più grande e famoso sito di P2P d’Europa..
Se dovessi usare un solo sito di prestiti in P2P quello sarebbe Mintos.
Offre una garanzia di buyback onesta e ed è facile da usare (solo in inglese). Scopri perché scrivo questo.

Cosa mi piace di Bondora?

Bondora mi piace perché è in Italiano, inoltre è un P2P grande e affermato.
Bondora emette prestiti suoi e paga interessi agli investitori fin dal 2009.
Io ho imparato a impostarla in modo da ottenere il massimo.

Cosa mi piace di Flender?

Flender è un piccolo P2P Irlandese.
Mi piace per serietà e prestazioni.Non mi piace per dimensioni e tipologia di prestiti.
Comunque per adesso mantiene le promesse, rende circa il 10% annuo e ha un tasso di ritardi accettabile.
Quando sento di avere troppe piattaforme P2P Estoni e Lettoni penso che Flender sia un modo per diversificare.

Cosa mi piace di Estateguru?

È il migliore per prestiti garantiti da immobili per me.
Esiste da molti anni e mantiene interessi alti intorno all’11% e un tasso di prestiti in ritardo basso. Lo conosco molto bene.

Perché il P2P lending non è adatto a tutti?

Credo sia sbagliato aspettarsi un reddito fisso senza rischi dai prestiti in Peer to Peer.
Mintos, ad esempio, sta facendo un ottimo lavoro per rendere l’investimento facile e trasparente, ma i rischi restano e li devo gestire.
I rendimenti altissimi devono compensare le eventuali piccole perdite che potrei dover affrontare. Finora, in 4 anni, non ho perso 1 euro, ma questo non è affatto garanzia per il futuro.

Cos’è il P2P lending?

Sono siti web che offrono prestiti, in genere personali, e poi li rivendono a me investitore. In sostanza io investendo in prestiti ogni mese ottengo indietro gli interessi e una parte di quanto ho prestato.
I prestiti al momento, in media pagano interessi intorno all’11%  annuo con rischi correlati ai rendimenti.

22 pensieri su “Le migliori piattaforme di p2p lending europee 2020

  1. Oreste dice:

    Grazie per aver fatto questa lista, la cercavo da anni.
    Mintos e Bondora ho già iniziato anni fa e mantengono le promesse (11%).
    Prossima sfida: immobili in crowdfunding, penso con Crowdestate o a limite housers, che almeno sono in italiano e faccio meno fatica a leggere

  2. Michelangelo dice:

    Anch’io solo crowedstate e bondora che io non parlo inglese. pochi soldi per adesso ma voglio aumentare a novembre

  3. Autonomo dice:

    Ottima lista, mi serviva. Io uso già Bondora e Crowdestate perche sono in italiano e vanno forte. Bondora però ho messo il tutto automatico goegrow

  4. anonimo dice:

    Puoi scrivere qualcosa di più su investimenti sostenibili (ma profittevoli)? Sto provando a scegliere i prestiti diretti più sostenibili ma non è sempre chiaro se lo sono davvero. Hai un metodo?

    • Rendite Passive dice:

      Scriverò qualcosa su Trine (energia solare) e credo interessi a molti l’argomento “sostenibile” (grazie per averlo menzionato). Per semplificare i prestiti diretti più onesti possono essere quelli con APR basso su Mintos (<100) o quelli con classi di rating AA e A su Bondora.

  5. Ernesto Locatelli dice:

    mintos tutta la vita per me, facile e comprensibile.bondora è il prossimo, a febbraio con altri 10000 che prenderò di rimborsi passati. Così ne ho due diversi e abbasso i rischi. Bondora quale scegliere, il 6,75% o gli altri metodi che menzioni

    • Rendite Passive dice:

      Io ho scelto di fare test su tutto per poi raccontare come faccio ma come sai non offro consigli di questo tipo. Per me preferisco il portfolio Pro su Bondora, ma uso comunque anche il go & grow 6,75%

      • Andrea dice:

        Grazie mille per gli ottimi spunti, ho letto le tue recensioni e mi sto interessando anche io a Bondora, ma se faccio un versamento mi sembra vada in automatico nel conto go&grow e non nel portfolio pro come incece vorrei e che per il momento è ancora vuoto…risulta anche a te?

        • Rendite Passive dice:

          Si capita spesso, Andrea.
          Col Go & Grow abilitato e la spunta “abilita i trasferimenti automatici…” attiva succede che tutti i miei fondi residui (non investiti ancora o appena caricati) finiscano nel Go & grow.
          Soluzione? Semplice.
          Basta andare nel go & grow e tolgo la prima spunta verde. Ho fatto una foto al mio go & grow: Eccolo

  6. Enzo P dice:

    Io tutti i mesi incasso due affitti, ora una parte degli affitti li sto girando su mintos automatico e bondora automatico, sta andando bene. craudestate ce l’ha un mio collega e non è tanto contento.

  7. Mirco Lanzi dice:

    Salve, ho letto infretta, ma ne ho ricavto comunque una buona impressione. Ho visto un tutorial di un trader che parlava di Mintos e Bondora e credo che partirò da lì. Grazie

  8. Roberto dice:

    Buongiorno, leggo notizie preoccupanti su Grupeer, si parla addirittura di scam. Qual è la tua opinione in merito?
    Grazie
    Roberto

    • Rendite Passive dice:

      Roberto ho conosciuto personalmente la CEO Alla Kisika nel 2019 e faccio molta fatica a credere che faccia parte di un gruppo che non si prende le sue responsabilità. Io non ho investito in Grupeer per puro caso, lo avrei fatto quest’anno per condividere una recensione, ma ho i contatti del loro ufficio e pubblicherò informazioni a riguardo. Per ora non ho ottenuto risposte. In Grupeer hanno appena lanciato un nuovo prodotto e investito in restyling, non è il comportamento tipico di chi pianifica di chiudere. Qualcosa potrebbe essere andato storto con i partner russi e la correlazione potrebbe trovarsi nella fortissima svalutazione del rublo delle ultime settimane. Comunque non è ancora definito tutto. So che molti prestiti su Grupeer hanno una struttura diretta, questo significa che una parte del prestato, anche nella peggiore delle ipotesi, potrebbe essere recuperato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!