Come Investire in Materie Prime? Trading Commodities: Rischi, Oro e Petrolio

Investire in Materie Prime
4.5
(24)

Investire nelle materie prime è un’arte che mescola intuizione, strategia e coraggio.

Oro, petrolio, grano: nomi che evocano storie di boom e crisi, ma anche di opportunità imperdibili. Ecco perché capire come navigare il trading di commodities è fondamentale per chi cerca di diversificare i propri investimenti e sfruttare le tendenze economiche globali.

In questo articolo, esploreremo come entrare sulle materie prime per guadagnare soldi.


Punti Chiave:

  • I prezzi delle materie prime tendono a seguire l’andamento inflazionistico, rendendole attrattive per gli investitori intenzionati a diversificare i loro portafogli.
  • Esistono numerosi metodi per investire sulle materie prime, che spaziano dal possesso fisico ai fondi comuni di investimento, fino ad arrivare a strumenti più sofisticati come i future e le opzioni.
  • Fare trading di commodities non è affatto un investimento sicuro e tranquillo. La volatilità può essere estrema.

Cosa sono le Materie Prime?

Le materie prime sono beni di base o materie grezze utilizzate per produrre altri beni e servizi.

Cosa sono le Materie Prime

Questi sono i mattoni fondamentali dell’economia globale, scambiati su mercati regolamentati con contratti standardizzati. Si dividono in due categorie principali:

  1. Hard Commodities, Materie Dure: Queste sono tipicamente risorse naturali che devono essere estratte o minerarie. Esempi includono petrolio, gas naturale, oro, argento e altri metalli preziosi.
  2. Soft Commodities, Materie Morbide: Queste sono tipicamente prodotti agricoli o bestiame, come grano, mais, cotone, caffè, zucchero, bovini e suini.

Le materie prime svolgono un ruolo cruciale nella vita quotidiana; sono il cibo che mangiamo, l’energia che utilizziamo, i metalli che costituiscono i nostri edifici e i trasporti, e i materiali preziosi presenti nei gioielli e nelle tecnologie che acquistiamo.

Investitori e trader comprano e vendono materie grezze direttamente nel mercato spot o tramite derivati come futures e opzioni.


Perchè investire in Materie Prime?

Le materie prime possono fungere da riserva di valore, come nel caso dell’oro, che, grazie a una domanda di base costante, può essere considerato un bene rifugio. Di fronte a un incremento della richiesta, si apre la possibilità di una crescita dei prezzi.

Inoltre, tali risorse possono contribuire a limitare la volatilità di un portafoglio diversificato a causa della loro bassa correlazione con gli asset tradizionali, influenzata da variabili come clima, politica e produzione mondiale.

Infine, questo asset segue spesso i trend inflazionistici e, pertanto, può offrire una tutela contro le ripercussioni dell’aumento dei prezzi. Questo le rende particolarmente attraenti in contesti di inflazione crescente. Approfondisci l’impatto dell’inflazione sugli investimenti.

Ecco le performance delle materie prime nel 2023:

performance materie prime 2023

I 5 modi di investire nelle materie prime


Investire sulle materie prime varia dal possesso fisico alla partecipazione in fondi comuni che si concentrano su questi asset.

Vediamoli uno a uno:

Contratti futures. Originati per permettere agli agricoltori di stabilire anticipatamente i prezzi, i futures sono un metodo popolare per investire sulle materie prime.

Possesso fisico. Il modo più diretto di investire è detenere fisicamente l’asset. Questo è pratico per oggetti come i metalli preziosi, ma meno per beni ingombranti come il cotone o il succo d’arancia concentrato.

Fondi comuni e ETF. Questi strumenti offrono ampia esposizione con minimi d’investimento bassi, variando da fondi specifici per una singola materia prima a quelli che coprono un ampio spettro di materie prime.

Investimenti alternativi. Fondi hedge e investimenti privati in materie prime sono opzioni per chi cerca strategie di investimento speculative e ad alto rischio.

Titoli individuali. Le azioni di aziende produttrici di materie prime ti offrono un accesso indiretto ai mercati delle materie prime.

Ecco le performance delle materie prime negli ultimi anni (2013 – 2022)

performance commodities
Fonte: Visualcapitalist

I migliori ETF sulle materie prime che uso io

Non ci giriamo intorno, tu vuoi i migliori titoli per investire in commodities.

Ti condivido i titoli che ho usato più spesso io negli anni per negoziare commodities e fare profitto.

migliori ETF sulle materie prime

Naturalmente questi non sono consigli di investimento, ma sono solo i miei titoli personali, i più liquidi e quelli che conosco meglio.

Gli ETF sulle materie prime possono investire direttamente in beni fisici, in azioni di aziende legate al sottostante, o in contratti futures.

Ecco alcuni ETF popolari e considerati da me affidabili (e soprattutto estremamente liquidi) nel settore delle materie prime:

  1. SPDR Gold Shares (GLD): Questo è uno degli ETF più popolari per l’investimento diretto in oro. È noto per la sua elevata liquidità e per essere una copertura efficace contro l’inflazione.
  2. iShares Silver Trust (SLV): Simile al GLD ma per l’argento, offre agli investitori un modo diretto e liquido per investire in argento.
  3. PowerShares DB Commodity Index Tracking Fund (DBC): Questo ETF offre un’esposizione più ampia a una varietà di materie prime. Utilizza contratti futures per investire in beni come il petrolio, il gas, l’oro, l’argento e i prodotti agricoli.
  4. United States Oil Fund (USO): Per chi desidera investire specificamente nel petrolio, USO offre esposizione diretta ai prezzi del petrolio attraverso contratti futures di petrolio WTI.
  5. VanEck Vectors Gold Miners ETF (GDX): Questo ETF non investe direttamente in oro, ma in una gamma di aziende minerarie d’oro, offrendo una diversa forma di esposizione al settore delle materie prime.
  6. iShares Global Timber & Forestry ETF (WOOD): Per un’esposizione diversa, WOOD investe in azioni di società globali nel settore della silvicoltura e del legname, che è un altro tipo importante di materia prima.
  7. Teucrium Corn Fund (CORN): Questo ETF offre agli investitori un modo per investire specificamente nel mais, utilizzando contratti futures per replicare il prezzo del mais.

I migliori ETC sulle commodities

Se stai cercando di investire in ETC (Exchange Traded Commodities) qui ci sono alcuni ETC considerati tra i migliori per varietà di materie prime, trasparenza e performance.

Gli ETC sono strumenti simili agli exchange traded funds ma specificamente focalizzati su materie prime singole o basket di materie prime.

Gli ETC consentono agli investitori di avere esposizione diretta alle materie prime senza dover negoziare contratti futures.

I migliori ETC sulle commodities

Ecco alcuni ETC che conosco bene nel settore delle materie prime:

  1. iShares Physical Gold ETC (SGLN): Questo ETC offre esposizione diretta all’oro fisico, uno degli asset rifugio più tradizionali, mantenendo l’oro allocato fisicamente in cassaforte.
  2. ETFS Physical Silver (PHAG): Simile al SGLN ma per l’argento, questo ETC conserva fisicamente l’argento, offrendo un’opportunità di investimento trasparente e sicura.
  3. WisdomTree Commodity Securities (AIGC): Questo ETC offre un’esposizione diversificata a un ampio range di materie prime quali energia, metalli e agricoltura tramite un singolo titolo.
  4. ETFS Brent 1mth (OILB): Per gli investitori interessati specificamente nel petrolio, questo ETC offre esposizione ai prezzi del Brent, uno dei benchmark principali nel mercato del petrolio.
  5. WisdomTree Copper (COPA): Fornisce esposizione diretta ai prezzi del rame, un metallo fondamentale in molti settori industriali e tecnologici.
  6. WisdomTree Agriculture (AIGA): Questo ETC mira a replicare l’andamento di un indice composto da diverse materie agricole, offrendo un’ampia esposizione al settore agricolo.
  7. WisdomTree Energy (AIGE): Offre esposizione a un basket di materie prime energetiche, incluse petrolio e gas, attraverso un singolo investimento.

Ogni exchange traded commodities ha le proprie specificità, costi di gestione e livelli di rischio, quindi è importante analizzare ciascuno di essi per capire quale si adatti meglio alla tua strategia di investimento e ai tuoi obiettivi finanziari.

Questi asset vengono scambiato prevalentemente su questi due mercati:

  • New York Mercantile Exchange
  • Chicago Mercantile Exchange
  • London Metal Exchange

Migliori Future per speculare sui prezzi delle commodities

Investire in futures sulle materie prime può essere un’ottima opzione per chi cerca esposizione diretta al mercato.

I futures consentono agli investitori di speculare sui prezzi futuri delle materie prime, siano esse metalli, energia o prodotti agricoli, senza la necessità di possedere fisicamente il bene.

Quando si parla dei “migliori” futures di materie prime, è importante considerare vari fattori come la liquidità del contratto, la volatilità, e le tue conoscenze specifiche del mercato in cui desideri operare.

Migliori Future per speculare sui prezzi delle commodities

Ecco alcuni dei futures sulle materie prime più popolari e frequentemente scambiati che potresti considerare:

  1. Futures sul Petrolio (Crude Oil Futures, WTI e Brent): Sono tra i contratti di futures più scambiati e seguiti globalmente. Offrono elevata liquidità e ampie opportunità di trading, con il West Texas Intermediate (WTI) e il Brent come i principali benchmark del petrolio.
  2. Futures sull’Oro (Gold Futures): Sono popolari tra gli investitori che cercano di coprirsi contro l’inflazione e l’instabilità economica. L’oro è considerato un “bene rifugio”.
  3. Futures sull’Argento (Silver Futures): Simili ai futures sull’oro, ma con una maggiore volatilità e quindi potenzialmente maggiori rendimenti (ma anche rischi più alti).
  4. Futures sul Gas Naturale (Natural Gas Futures): Questi futures sono influenzati da fattori come le condizioni meteorologiche, le politiche energetiche e i cambiamenti nelle tecnologie di estrazione.
  5. Futures sui Prodotti Agricoli: Tra questi, i più scambiati includono il mais (Corn Futures), la soia (Soybean Futures), e il grano (Wheat Futures). Questi mercati possono essere molto influenzati dalle condizioni climatiche, dalle politiche agricole e dai cambiamenti nei consumi globali.
  6. Futures sul Rame (Copper Futures): Il rame è essenziale per l’industria elettrica e manifatturiera, rendendo i suoi futures una scelta popolare per gli investitori che desiderano speculare sulla crescita economica.

Anche i CFD sono strumenti usati per questo tipo di trading online. La leva è molto comunemente usata in questi casi.


Migliori azioni sulle commodities

Quando si tratta di investire in azioni legate alle materie prime, è importante considerare aziende solide e ben gestite nei settori delle risorse naturali, come l’energia, i metalli e l’agricoltura.

Migliori azioni sulle commodities

Ecco alcune delle migliori azioni nel settore delle commodity che potresti prendere in considerazione, in base alla loro stabilità, posizione di mercato e potenziale di crescita:

  1. Glencore (GLEN): Glencore è uno dei più grandi gruppi al mondo specializzati nel commercio di risorse naturali, con attività che includono la produzione e il marketing di minerali, metalli, prodotti petroliferi e agricoli.
  2. ExxonMobil (XOM): Uno dei maggiori produttori mondiali di petrolio e gas. Ha dimostrato una gestione efficace e una solida performance finanziaria nel corso degli anni.
  3. Barrick Gold (GOLD): Uno dei più grandi produttori d’oro al mondo. Barrick ha operazioni in diverse regioni geografiche e ha una buona reputazione per la gestione efficace dei costi e la crescita sostenibile.
  4. Archer Daniels Midland (ADM): Una delle principali aziende agribusiness al mondo, ADM gioca un ruolo cruciale nella catena di approvvigionamento alimentare globale, elaborando ingredienti per alimenti e mangimi, e fornendo prodotti agricoli ai mercati internazionali.
  5. BHP Group (BHP): Una delle più grandi compagnie minerarie al mondo, BHP estrae una varietà di minerali, tra cui ferro, carbone, rame e uranio, oltre a operare nel settore petrolifero e del gas.
  6. Chevron (CVX): Un’altra grande azienda di energia, Chevron ha una forte presenza sia nell’upstream che nel downstream del petrolio e del gas, noto per la sua solida bilancia finanziaria e investimenti strategici nel settore dell’energia, incluso il settore crescente delle energie rinnovabili.

Queste aziende rappresentano una diversificazione attraverso vari segmenti delle materie prime, dalla produzione di energia ai metalli preziosi e al settore agricolo.

Sono imprese potenti e spesso profittevoli ma non ti illudere, sono tutte altamente volatili.


Trading di commodities: migliore piattaforma per me

Il trading sulle materie prime implica l’acquisto e la vendita di risorse energetiche quali petrolio e gas, oltre a metalli e prodotti agricoli, con lo scopo di capitalizzare sulle fluttuazioni dei prezzi.

Fin qui tutto facile, vero?

I trader possono detenere direttamente la materia prima in forma tangibile, ma ovviamente preferiscono negoziare in strumenti noti come ‘derivati’, che seguono l’andamento dei prezzi.

Trading di commodities: migliore piattaforma per farlo

Per provare a rendermi utile, ho selezionato le mie piattaforme preferite per il trading di materie prime, ponendo particolare attenzione alle commissioni e alla varietà di opzioni di investimento in materie prime disponibili.

  • Freedom24 (la migliore su tutti gli aspetti)
  • eToro (una vecchia gloria)
  • Plus500 (il sito più avventuroso per negoziare materie prime)

Disclaimer: Gli investimenti in titoli e altri strumenti finanziari comportano sempre il rischio di perdita del capitale. Le previsioni o le performance passate non sono garanzia di risultati futuri. È essenziale effettuare una propria analisi prima di effettuare qualsiasi investimento. Il 74% degli ETF disponibili sulla piattaforma Freedom24 genera un reddito passivo sotto forma di dividendi.


Cosa dicono delle Commodities gli investitori più famosi del mondo?

Vediamo le opinioni dei grandi investitori sul trading di commodities.

Ecco cosa pensano gli investitori più potenti del mondo dell’investimento in materie prime:

Warren Buffett – Il noto investitore miliardario ha espresso opinioni miste sulle materie prime in generale. Ha fatto investimenti significativi in argento nel tardo anni ’90 e la sua compagnia, Berkshire Hathaway, ha investito in oro nel 2020 tramite una partecipazione in Barrick Gold, una delle più grandi compagnie minerarie d’oro.

Jim Rogers – Co-fondatore del Quantum Fund insieme a George Soros, Jim Rogers è noto per il suo ottimismo riguardo agli investimenti in materie prime. Ha spesso discusso il potenziale di crescita a lungo termine delle materie prime, sostenendo che cicli di boom nei mercati delle commodity si verificano quando c’è una carenza di offerta, che può portare a prezzi più alti.

Fonte:brainyquotes di Jim Rogers, famoso investitore in materie prime

Ray Dalio – Fondatore di Bridgewater Associates, Dalio ha parlato dell’importanza delle materie prime come parte di una strategia di diversificazione del portafoglio. Ha enfatizzato come le materie prime possano fungere da protezione in scenari di inflazione crescente e come parte di un “all weather portfolio” che cerca di avere performance stabili in diversi ambienti economici.


Rischi (pesanti) del trading sulle materie prime

Come ho già chiarito, investire in commodities è rischioso, al contrario di quanto si possa pensare.

Rischi del trading sulle materie prime

Infatti i prezzi sono fortemente influenzati da questi fattori:

Eventi politici internazionali – Le materie prime sono particolarmente vulnerabili agli sviluppi politici globali. Per esempio, i prezzi di petrolio e gas naturale hanno registrato un incremento marcato in seguito all’incursione russa in Ucraina nel 2022.

Instabilità dei prezzi – I prezzi delle materie prime possono mostrare un’elevata instabilità, esponendo il tuo portafoglio a notevoli fluttuazioni di valore. Sebbene tale instabilità possa offrire opportunità, rappresenta anche un rischio considerevole.

Attività speculativa – Se il tuo obiettivo è trarre profitto unicamente dalle variazioni di prezzo di una materia prima, stai agendo in base a congetture speculative anziché a principi di investimento solidi. Il tuo asset non genererà flussi monetari intrinseci, rendendo i tuoi guadagni completamente dipendenti dalle oscillazioni di mercato della materia prima.

Condizioni climatiche – I prezzi delle materie prime sono influenzati anche dalle condizioni climatiche mondiali. Un clima avverso che impatta le condizioni di coltivazione di una materia prima può compromettere l’offerta, provocando rialzi nei prezzi.

Concentrazione – Investire in materie prime significa spesso avere un’elevata esposizione a un singolo asset, come l’oro o il petrolio. Sebbene sia possibile diversificare in una certa misura la tua esposizione, non sarai completamente salvaguardato in caso di deprezzamento della materia prima.


Pesanti Svantaggi e Vantaggi di investire in materie prime oggi

Investire in una o più commodity offre diverse opportunità, ma non ti illudere, comporta anche alcuni rischi significativi.

Ecco una panoramica rafforzata dei principali pro e contro associati a questo tipo di investimento:

Svantaggi di investire in materie prime:

  1. Volatilità elevata: I prezzi delle materie prime possono essere estremamente volatili. Eventi come tensioni geopolitiche, variazioni nelle politiche economiche, cambiamenti climatici e altri fattori esterni possono causare rapidi e grandi movimenti di prezzo.
  2. Mancanza di dividendi: A differenza delle azioni, le materie prime non producono flussi di cassa o dividendi. Il ritorno sull’investimento deriva esclusivamente dall’apprezzamento del prezzo dell’asset, il che può limitare l’attrattiva per gli investitori che cercano entrate regolari.
  3. Speculazione: Molti investimenti sulle materie prime sono di natura speculativa, in particolare quando si tratta di contratti futures e trading di opzioni. Questo può portare a perdite sostanziali se il mercato si muove contro le aspettative dell’investitore.
  4. Necessità di competenza specifica: Comprendere i mercati richiede conoscenze approfondite non solo degli aspetti finanziari, ma anche di quelli legati alla produzione, al commercio e alle regolazioni di mercato.
  5. Problemi di storage e trasporto: Per chi investe direttamente in una commodity fisica, come metalli o prodotti agricoli, possono emergere complicazioni logistiche legate alla conservazione e al trasporto dei beni.
  6. Scarsità dovuta all’aumento della popolazione mondiale: L’aumento della popolazione globale può portare a una maggiore domanda di risorse naturali, causando ulteriori pressioni sui prezzi e potenziali problemi di disponibilità a lungo termine.

Vantaggi di investire in materie prime:

  1. Diversificazione del portafoglio: Le materie prime spesso mostrano una bassa correlazione con altri asset finanziari come azioni e obbligazioni, aiutando a ridurre il rischio complessivo del portafoglio e a migliorare i rendimenti aggiustati per il rischio.
  2. Protezione contro l’inflazione: In periodi di inflazione, i prezzi delle materie prime tendono generalmente a aumentare, fungendo da protezione contro la perdita di potere d’acquisto della moneta.
  3. Potenziale di ritorno elevato: La volatilità delle materie grezze può offrire significativi guadagni in brevi periodi, particolarmente quando esistono squilibri tra domanda e offerta.
  4. Benefici dalla decarbonizzazione: L’incremento degli investimenti in tecnologie pulite e rinnovabili può aumentare la domanda di materie prime specifiche, come i metalli rari usati nelle batterie per veicoli elettrici e altri dispositivi tecnologici, offrendo nuove opportunità di crescita per gli investitori.

Investire in materie prime richiede quindi un’attenta valutazione delle opportunità e dei rischi, considerando sia le prospettive di guadagno che le potenziali difficoltà.

L’ideale è investire in una commodity all’inizio di un ciclo positivo:

https://allstarcharts.com/wp-content/uploads/2021/02/CCISPX.png
Fonte all star chart

Domanda e offerta influenzano i prezzi delle materie prime (puoi speculare)

Quali sono i fattori che influenzano i prezzi delle materie prime?

Com’è ovvio, le industrie delle commodity sono regolate da domanda e offerta.

In ciascun settore specifico delle materie prime, il prodotto è in gran parte uniforme. Iìoro è oro, l’argento è sempre quello, il grano è sempre grano, il bestiame resta bestiame. Per questo motivo, i produttori sono destinatari passivi dei prezzi e, in tempi normali, non possono stabilire i prezzi.

Pertanto, le variazioni di prezzo sono il risultato di disequilibri tra domanda e offerta, che possono verificarsi per diverse ragioni. I prezzi possono impennarsi se la domanda aumenta o se l’offerta si restringe.

Il petrolio fa eccezione perchè il cartello dell’OPEC e la politica sulle riserve USA influenzano in qualche modo il prezzo. La prevedibile transizione energetica beneficierà alcune commodities a scapito di altre.


Il problema di investire con gli ETF sulle commodities

Backwardation e Contango sono termini utilizzati per descrivere le strutture di prezzo nei mercati dei futures delle materie prime, influenzando il modo in cui i contratti futures sono quotati rispetto al prezzo spot del bene.

Il problema di investire con gli ETF sulle commodities

Backwardation:


La backwardation si verifica quando il prezzo future di una materia prima è inferiore al suo prezzo immediato, o spot. Questa condizione può manifestarsi quando c’è una domanda elevata per la materia prima nel presente o quando esistono limitazioni all’offerta che spingono gli acquirenti a valorizzare maggiormente la consegna immediata. Nei mercati in backwardation, i contratti futures generalmente aumentano di valore man mano che si avvicinano alla loro scadenza. Gli investitori che detengono tali contratti possono trarre vantaggio dal fatto che il prezzo del future si allinea al prezzo spot più elevato all’approssimarsi della data di consegna.

Contango:


Il contango emerge quando il prezzo di un contratto future è superiore al prezzo spot attuale della materia prima. Ciò accade tipicamente quando gli investitori sono disposti a pagare un prezzo superiore per la sicurezza di un prezzo futuro, spesso dovuto all’attesa di un rialzo dei prezzi o ai costi associati alla conservazione e assicurazione del bene fino alla consegna. In un contesto di contango prolungato, un fondo negoziato in borsa (ETF) che investe in contratti futures può rendere meno del prezzo spot del bene, a causa del costante rinnovo dei contratti a breve termine con altri a più lungo termine e a prezzo più elevato, subendo così costi di rollover.

In conclusione, la backwardation indica condizioni di forte domanda immediata o limitazioni di offerta, mentre il contango suggerisce aspettative di incremento dei prezzi futuri o elevati costi di mantenimento.

Se compro un ETC su una materia prima a lungo termine devo tenere in mente che possibilmente perderò soldi a causa dell’effetto contango.


L’inflazione condiziona il prezzo delle materie prime

L’inflazione ha un impatto diretto sui prezzi delle materie prime.

Generalmente, quando i livelli di inflazione sono elevati, anche i prezzi delle materie prime tendono a salire.

Questo fenomeno si verifica perché le materie prime sono spesso viste come un rifugio sicuro contro la perdita di potere d’acquisto della valuta. Di conseguenza, durante i periodi di inflazione, gli investitori tendono a spostare i loro capitali verso asset tangibili come oro, petrolio e metalli, il che aumenta la domanda e, di conseguenza, i prezzi di queste risorse.

Inoltre, l’inflazione può aumentare i costi di produzione delle materie prime, come i costi energetici e di manodopera, spingendo ulteriormente al rialzo i prezzi al consumo. Per gli investitori, comprendere la correlazione tra inflazione e prezzi delle commodity è fondamentale per prendere decisioni di investimento informate e per proteggere il proprio portafoglio dall’erosione del valore dovuta all’inflazione.


Come sfruttare le correlazioni tra mercato azionario e materie prime?

Sì, esistono correlazioni tra il mercato azionario e le materie prime, ma possono variare a seconda del tipo di materia prima, delle condizioni economiche e di altri fattori.

Se stai pensando di possono sfruttare queste correlazioni per il tuo trading sei sulla strada giusta!

Ecco una panoramica breve su come queste correlazioni possono manifestarsi:

  1. Inflazione e Politica Monetaria: Le materie prime sono spesso considerate come protezioni contro l’inflazione. Quando le aspettative di inflazione aumentano, il valore delle materie prime potrebbe incrementare.
  2. Sbalzi di Offerta e Domanda: Interruzioni dell’offerta a causa di eventi geopolitici o disastri naturali possono causare picchi dei prezzi delle materie prime, impattando negativamente le azioni, in particolare nelle industrie dipendenti dai combustibili come le compagnie aeree e la spedizione.
  3. Natura della Materia Prima: Diverse materie prime reagiscono diversamente al mercato azionario. I metalli preziosi come l’oro spesso hanno una correlazione negativa con le azioni durante i periodi di recessione economica poiché sono visti come beni rifugio.
  4. Condizioni Economiche: Durante le espansioni economiche, sia le azioni che le materie prime industriali possono avere buone performance. In tempi di recessione, queste potrebbero sotto-performare, mentre l’oro può guadagnare a causa del suo status di bene rifugio.
  5. Movimenti Valutari: Dato che le materie prime sono generalmente prezzate in dollari USA, un dollaro debole può innalzare i prezzi.

Ecco una grafico che mostra la correlazione diretta e inversa tra commodities e bond:

correlazione diretta e inversa tra commodities e bond:
Fonte:investing/tradingview

Le commodities sul Sole 24 Ore

Il celebre Sole 24 Ore dedica da sempre una sezione alle materie prime.

quotazioni tempo reale materie prime
Fonte:sole24ore

Leggere e seguire le quotazione potrebbe avere senso.

Quello che non ha mai senso è investire solo perchè abbiamo letto una notizia sul petrolio o sui tassi di interesse.

Se fosse così facile saremo già tutti ricchi grazie al trading sulle commodities, no?

quotazioni tempo reale materie prime sole 24 ore italia
Fonte:sole24ore

Ecco il tipo di notizie sulle commodities che si trovano sul sole 24 ore:

notizie materie prime sole 24 ore
Fonte:sole24ore

Investire in commodities Reddit e Forum online

Sul subreddit r/investing, le discussioni relative agli investimenti in materie prime coprono diversi argomenti, principalmente concentrati sulle strategie di investimento, le prospettive di mercato e le analisi delle tendenze di prezzo.

Ecco alcune tematiche ricorrenti che vengono spesso discusse:

  1. Strategie di Hedging: Gli utenti di Reddit discutono su come utilizzare le materie prime come copertura contro l’inflazione e la volatilità del mercato azionario, specialmente in tempi di incertezza economica.
  2. Investimenti in Oro e Argento: Molti post si concentrano sugli investimenti in oro e argento, considerati beni rifugio. Vengono condivise strategie, analisi di prezzo e considerazioni sull’oro come assicurazione contro l’inflazione.
  3. Commodities Energetiche: Il petrolio e il gas naturale sono argomenti comuni, con discussioni che analizzano l’impatto delle politiche energetiche globali, delle tensioni geopolitiche e degli sviluppi tecnologici sulle dinamiche di prezzo.

Maggiori forum sul trading di commodities

Se stai cercando un forum online in inglese attivo e focalizzato sul trading sulle materie prime, ci sono diverse opzioni affidabili e ricche di contenuti. Ecco alcuni dei forum più attivi e rispettati nella comunità dei trader di commodities:

  1. Futures.io: Questo è uno dei forum più grandi e attivi dedicati al trading di futures, che include un’ampia sezione sul trading di materie prime. Il sito offre discussioni dettagliate, webinar, recensioni di prodotti di trading e una community di supporto per trader di tutti i livelli di esperienza.
  2. Trade2Win: Trade2Win è un forum vasto con una sezione robusta dedicata al trading sulle materie prime e futures. Qui, i trader discutono strategie, condividono grafici e analisi tecniche, e si scambiano consigli su come navigare il mercato delle commodities.
  3. Elite Trader: È un forum attivo che offre una piattaforma per la discussione di vari argomenti legati al trading, inclusi quelli sulle materie prime. Gli utenti possono trovare thread su specifiche commodities, strategie di trading, e strumenti utili per il trading.

Ultimamente anche l’investimento in Bitcoin viene considerato alla stregua di una commodity.


Dizionario dell’investimento in commodities

Ecco un pò di terminologia comune nel trading sulle materie prime:

Prezzo spot: Il prezzo corrente per il pagamento immediato e la consegna di una materia prima specifica. Questo prezzo si applica solo alla consegna.

Prezzo a termine (forward price): Il prezzo concordato di un bene in un contratto a termine, fissato oggi, ma con consegna e pagamento previsti in una data futura.

Futures: Un derivato negoziato in borsa. Un contratto future rappresenta un obbligo di acquistare o vendere un bene sottostante in futuro a un prezzo specificato.

Performance dell’indice: La maggior parte degli ETF/ETN e fondi comuni su materie prime segue un indice di commodity come l’S&P GSCI. Gli investitori dovrebbero essere consapevoli del fatto che gli indici non sempre seguono i prezzi spot della commodity specifica.


Conclusioni

Investire in materie prime può proteggere da inflazione e diversificare il portafoglio, ma implica notevole volatilità e complessità.

È fondamentale distinguere tra trading e investimento: il trading sulle materie prime implica acquisti a breve termine per capitalizzare su variazioni di prezzo rapide, mentre l’investimento è orientato al lungo termine, con focus sulla protezione e crescita graduale del capitale.

Per chi cerca una piattaforma comoda per il trading sulle materie prime, Freedom24 è spesso raccomandata per la sua facilità d’uso e efficienza.

⚠️ Disclaimer: gli investimenti in titoli e altri strumenti finanziari comportano sempre il rischio di perdita del capitale. Le previsioni o le performance passate non sono garanzia di risultati futuri. È essenziale effettuare un’analisi personale prima di effettuare qualsiasi investimento. RenditePassive non consiglia investimenti o strumenti di investimento. Questo articolo è solo a scopo informativo ed educativo. I lettori non devono considerare questa pubblicazione come un’offerta di consulenza di investimento personalizzata. Qualsiasi investimento futuro deve essere discusso con il proprio consulente finanziario. Freedom24 è un broker autorizzato in Europa a cui si applica la garanzia del fondo ICF fino a un massimo di 20.000€.


FAQ sugli investimenti in materie prime in Italia

Quale materia prima conviene comprare?

La convenienza nell’acquisto di materie prime varia in base alle condizioni di mercato e alle prospettive economiche. Tradizionalmente, l’oro è considerato un investimento sicuro durante periodi di incertezza economica, mentre petrolio e gas possono essere più vantaggiosi in periodi di crescita economica.

In quale materiale investire?

Per l’investimento, i metalli preziosi come oro e argento sono popolari come protezione contro l’inflazione. I metalli industriali come rame e nichel sono opzioni valide per chi desidera sfruttare la crescita tecnologica e infrastrutturale.

Dove si comprano le materie prime?

Le materie prime possono essere acquistate tramite borse di materie prime specifiche, broker o piattaforme di trading online che offrono accesso a futures, ETF e altri strumenti finanziari legati alle materie prime.

Dove fare trading sulle materie prime?

Il trading sulle materie prime si può effettuare su piattaforme di trading online come Freedom24 e simili che permettono di operare su una varietà di materie prime attraverso opzioni, azioni, ETC, futures ed ETF.

Quali materie prime investire nel 2024?

Le decisioni su quali materie prime investire nel 2024 dovrebbero basarsi su analisi di tendenze di mercato, condizioni economiche globali e considerazioni personali di rischio. È consigliabile consultare un consulente finanziario per strategie su misura.

Quale ETF sulle materie prime?

Per investire in ETF sulle materie prime, considera quelli che tracciano indici di materie prime o che investono direttamente in beni fisici. ETF popolari includono SPDR Gold Shares (GLD) per l’oro e PowerShares DB Commodity Index Tracking Fund (DBC) per una varietà di materie prime.

Quali sono le 3 principali materie prime su cui investire?

Le tre principali materie prime su cui investire includono l’oro, apprezzato per la sua stabilità e il ruolo di rifugio sicuro durante le crisi economiche; il petrolio, che, a causa della sua centralità nell’industria energetica, è fortemente influenzato dalle dinamiche geopolitiche e economiche globali; e il gas naturale.

È stato utile questo articolo?

Fai click sulle stelle ↘️ per votarlo!

Voto medio 4.5 / 5. Numero: 24

Sii il primo a votare questo articolo!

Se ti è servito questo articolo, ora fammi 1 favore: condividilo!

Coraggio, condividilo adesso!

Mi dispiace molto che non ti sia piaciuto questo articolo!

Miglioriamolo, dai!

Puoi dirmi cosa non hai trovato, per favore? (resterai 100% anonimo, non potrò sapere chi sei non potrò rispondere)

Un pensiero su “Come Investire in Materie Prime? Trading Commodities: Rischi, Oro e Petrolio

  1. Nicola Trader dice:

    Il trading di materie prime è tra le cose più divertenti che ho mai fatto. Puoi negoziare dalla carne di maiale all’uranio, da casa tua. Imparare a farlo bene e a guadagnare è un altro paio di mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: ⛔️ Questo materiale è protetto da © Copyright. Condividi questa pagina via WhatsApp poi aggiungila ai tuoi siti preferiti.