Cos’è l’interesse composto? Investimenti per ottenerlo [lista + video]

Cos'è l'interesse composto renditepassive

Stai per leggere non solo così l’interesse composto ma anche quali investimenti lo generano.

È uno shock scoprire come funziona l’interesse composto. Non sto esagerando.


Una volta compresa la magia dell’interesse composto negli investimenti, è logico avere fretta di sfruttarlo per costruire ricchezza.

Dopo la comprensione deve seguire l’azione. Serve trovare gli investimenti giusti per massimizzare il risultato. Qui troverai esempi concreti per creare interesse composto, non solo calcoli e formule.

Promessa: Poca matematica e tanta sostanza.

Andiamo.

Cos’è l’interesse composto?

L’interesse composto è il principio secondo cui quando investo, oltre a guadagnare interessi sull’investimento, guadagno anche “interesse sull’interesse”.

Ciò significa che non solo il mio denaro cresce nel tempo, ma anche il guadagno che faccio ogni mese cresce.

interesse composto einstein
Einstein aveva le idee chiare sull’effetto dell’interesse composto.

In America lo chiamano “effetto palla di neve”, cioè qualcosa che ha una crescita esponenziale nel tempo, non lineare.

Sfruttare la crescita esponenziale creata dall’interesse composto è necessario per gli investitori che cercano di ottimizzare il loro portafoglio nel lungo termine, ma non solo. L’interesse composto è importante anche per mitigare due forti fattori negativi per la generazione di ricchezza. Questi sono l’aumento implacabile del costo della vita e l’inflazione.

In Svizzera hanno chiesto per strada a un campione di persone “cos’è l’interesse composto?”.

→ Guarda i risultati…

Cos`è…? ...L`interesse composto?

Ok, ma cos’è l’interesse negli investimenti?

L’interesse è essenzialmente definito come la ricompensa per aver prestato denaro.

Andiamo avanti.

Esempio di interesse composto

Per capire che significa interesse composto ho preparato un esempio potente.

Quando la banca mi paga gli interessi sul conto deposito io sto ricevendo interesse semplice.

Ad esempio, su un deposito di 1000 euro, se mi applicano un interesse annuale del 10% il mio guadagno dopo un anno sarà esattamente di 100€.

Fin qui tutto chiaro. 1000€ sono diventati 1100€.

Ma cosa succede dopo due anni?

Stai attento perchè è qui che il gioco cambia.

Il secondo anno guadagnerò interesse sul mio deposito iniziale ma riceverò anche interesse sull’interesse che ho appena guadagnato l’anno prima.

Dunque il secondo anno l’interesse che guadagnerò non è lo stesso del primo anno, è di più. Infatti sarà maggiore perché il saldo del mio conto deposito sarà di 1100€, non di 1000€ (capitale iniziale). Quindi, io non ho aggiunto denaro eppure i miei guadagni aumentano.

Vediamo cosa succede anno dopo anno:

  1. Anno 1: Deposito 1000€ e guadagno il 100€ perchè ho avuto il 10% di interessi. Saldo di fine anno 1100€.
  2. Anno 2: Comincio l’anno con 1100€ e su questi mi viene applicato di nuovo lo stesso interesse, il 10%. A fine anno avrò 1210€.
  3. Anno 3: Il mio saldo di 1210€ godrà di nuovo del solito interesse al 10%. A fine anno mi ritrovo con 1331€.
  4. Anno 5: 10% di interessi e nuovo saldo finale continuando così diventa 1610€.
  5. Anno 10: Solito 10% di interessi e nuovo saldo? 2593€

 

Hey, aspetta un attimo. Com’è possibile?

I miei 1000€ se aumentassero linearmente di 100€ all’anno diventerebbero 2000€ dopo 10 anni, non 2593€.

Da dove arrivano i 593€ in più?

Arrivano dall’interesse composto.

E se aspettassi 40 anni?

Dopo 40 anni i miei piccoli 1000€ investiti come prima al 10%, diventano una cifra enorme in percentuale. Parliamo di 45.000€.

Da 1000 a 45.259. Ben 45 volte di più.

Se avessi applicato un interesse semplice, dopo 45 anni avrei 1000€ euro iniziali + 100€ ( gli interessi annui) X 40 ( gli anni passati). Quindi solo 5000€ totali.

  • Interesse semplice. 1000€ investiti al 10% per 40 anni = 5000€
  • Interesse composto. 1000€ investiti al 10% per 40 anni = 45.259€.

Nello stesso tempo ho generato 40.000€ in più dallo stesso capitale iniziale semplicemente reinvestendo i frutti del capitale e senza aggiungere altro.

Lo so. Ora ti gira la testa. È normale. Bevi un pò d’acqua e respira.

Ho appena scoperto perchè alcune persone diventano ricche e altre no. Ecco come funziona l'interesse composto e perchè Einstein lo chiamava l'ottava meraviglia del mondo.. Condividi il Tweet

Serve tenere presente che l’esempio che ho fatto tiene in considerazione l’ipotesi più conservativa, quella che gli interessi si moltiplichino solo alla fine di ogni anno. Nella realtà è ancora meglio perché molti investimenti portano interessi mensili o addirittura giornalieri. Il calcolo non considera l’inflazione.

🔮 Qual’è la formula dietro questa magia?

Si può calcolare manualmente o usando applicazioni.

La formula dell’interesse composto è tutta qui:

Fonte: Postfinance

Esistono piccole varianti, ma la base di calcolo è questa. Il rendimento composto si può calcolare in Excel (XLS).

Lista dei fattori chiave per godere dell’interesse composto investendo

Esistono vari fattori che influenzano più o meno pesantemente il risultato di chi investe sfruttando l’interesse composto.

1. Iniziare prima possibile

Sembra banale, non lo è.

“Il momento migliore per iniziare a investire è stato 20 anni fa. Il secondo miglior momento per iniziare a investire è oggi stesso”.

Risparmiare è una delle parole più noiose del mondo. Comprensibilmente è anche l’ultima cosa che viene in mente di fare quando si è giovani.

La tendenza infatti è proprio iniziare tardi a risparmiare. In genere il primo lavoro serio arriva solo alcuni anni dopo la laurea quindi tardissimo. Il crollo della capacità di spesa che soffre chi non ha accumulato risparmi è fortissimo al momento del pensionamento. Oggi si inizia a lavorare, dunque a guadagnare e risparmiare tardissimo rispetto al passato. Inoltre si vive molto più a lungo. È assolutamente necessario iniziare prima possibile a risparmiare e a investire.

2. Non basta risparmiare

L’esempio che ho fatto sopra fa capire chiaramente che NON basta risparmiare. Il capitale lasciato fermo sul conto corrente perde di valore col tempo, non resta uguale.

Imparare come investire è cruciale perchè nessuno più farlo meglio di noi stessi. Io uso più strategie a lungo termine per massimizzare i risultati e non concentrare i rischi. Serve non avere fretta ma essere costanti.

3. Stabilire la durata dell’investimento

investire figli

Gli effetti più forti di questo calcolo sono più molto maggiori sul lungo termine. Dopo 10, 20 o 30 anni le differenze sono abissali.

Anche iniziando tardi si possono ottenere comunque risultati importanti.

Un nonno o un genitore può cambiare il futuro dei suoi figli e nipoti investendo piccoli capitali per loro a lungo termine.

4. Limitare le interruzioni

La vita non procede in maniera lineare.

Quindi è del tutto normale che ci saranno delle interruzioni e delle riprese nel processo di investimento a lungo termine. Più lunghi saranno i periodi in cui non si risparmia/investe più ci si allontanerà l’obiettivo.

5. Ottimizzare le tasse

Ottimizzare le tasse è fondamentale.

Le tasse per sono un discorso molto personale quindi non mi dilungherò.

L’unica attenzione che di sicuro non bisogna trascurare è nella scelta degli strumenti. Ad esempio gli ETF possono essere ad accumulo o a distribuzione pertanto portano a risultati diversi.

6. Abbassare le commissioni per investire

Investire a lungo termine non significa prendere il malloppo e lasciarlo lì per 40 anni. Si può fare, certo, ma normalmente si effettuano contribuzioni mensili verso su conto preciso su cui teniamo i risparmi. Devo sapere con esattezza quanto pago per investire e abbattere questi costi.

Un modo semplice per ridurre i costi di investimento è stabilire versamenti trimestrali invece che mensili.

7. Prestare attenzione al tasso di interesse applicato

Più alto è il tasso di interesse che riesco ad applicare ai miei soldi più in fretta raggiungerò il mio obiettivo.

L’ideale per me è investire in ETF globali secondo la mia strategia di lungo termine ma usare anche altri strumenti potenti.

Io uso da anni il peer to peer lending, il crowdfunding immobiliare, la borsa e molti altri metodi per generare benessere a lungo termine. L’importante è non concentrare tutto su un solo strumento.

8. Iniziare dal primo deposito

Non ci crederai, ma l’interesse composto è identico sia su 1€ che su 1 milione.

Essendo una formula matematica non fa differenza quanto investo ma solo per quanto tempo e a che tasso di interesse.

9. Implementare depositi aggiuntivi regolari

È normale partire con un capitale iniziale ma non è affatto obbligatorio.

In che senso?

Voglio dire che se non ho un capitale iniziale posso comunque investire mese per mese con l’obiettivo di costruire “interesse composto” nel lungo termine.

Non serve un capitale iniziale per coltivare interesse composto. Serve iniziare e non rimandare più. Ogni giorno che passa è irrimediabilmente perduto. Condividi il Tweet

Chi pensa di proteggersi dal perdere soldi non facendo nulla probabilmente sta perdendo più soldi che se investisse con un rischio adeguato.

Non fare nulla è una scelta che ha conseguenze, esattamente quanto scegliere di fare.. (omission bias)

10. Guardare alla frequenza di calcolo

La frequenza del calcolo dell’accumulo degli interesse nell’interesse composto fa una differenza brutale nel lungo periodo.

Per farla breve, più è alta la frequenza con cui si accumulano gli interessi maggiore è il risultato. Un esempio di interessi calcolati su base giornaliera (o comunque a ogni scadenza) è il peer to peer lending. Nel real estate crowdlending invece la base è mensile o annuale.


Regola del 72 (Raddoppiare i soldi)

La Regola del 72 è un calcolo molto comune che serve a sapere in quanto tempo raddoppia un investimento a seconda del tasso di interesse applicato.

Cosa vuol dire?

Significa che quando investo verrà sempre un giorno in cui avrò raddoppiato il mio capitale iniziale.

Quel giorno è tanto più vicino quanto più è alto il tasso di interesse.

Ne parlo perchè l’applicazione più comune della regola del 72 è per le situazioni di rendimento composto.

La formula è questa: 72 / tasso di interesse = tempo di raddoppio.

È facile e logico, seguimi.

Se investo ipoteticamente al 100% di interessi annui dopo un anno avrò appunto raddoppiato i miei soldi.

Se investo al 20% di interessi i tempi si allungano, è ovvio. Ci metterò circa 3,8 anni.

Abbassando ancora il tasso di interesse al 2% mi ritrovo a dover aspettare ben 35 anni prima di vedere i miei soldi raddoppiati Condividi il Tweet

Ecco la tabella della regola del 72:

Tasso di interesseRegola del 72Anni che servono per raddoppiare
100%0,721
20%3,63,8
10%7,27,2
5%14,414,2
3%2423,4
2%3635
1%7270
Tabella RenditePassive 2020

Come arrivare a 1 milione di euro

Sfruttando l’interesse composto si può arrivare a un milione di euro anche partendo da zero.

Sciocchezze?

Pare di no..

Raddoppiando il valore di un centesimo di euro ogni giorno, quindi investendo a un tasso di interesse del 100% giornaliero si arriva ad avere un milione di euro in soli 28 giorni. Non è molto realistico un interesse del 100% ma questa è matematica.

Raddoppia un centesimo per 28 giorni…

Giorno 11 cent
Giorno 22 cent
Giorno 34 cent
Giorno 48 cent
Giorno 516 cent
Giorno 632 cent
Giorno 764 cent
Giorno 81,28 €
Giorno 92,56 €
Giorno 105,12 €
Giorno 1110,24 €
Giorno 1220,48 €
Giorno 1340,96 €
Giorno 1481,92 €
Giorno 15163 €
Giorno 16327 €
Giorno 17655 €
Giorno 181.310 €
Giorno 192.621€
Giorno 281.342.177 €
Raddoppiando un centesimo di euro ogni giorno per 28 giorni si arriva a 1 milione trecentoquarantadue mila euro

Come investire a 20 anni?

Non ho molti soldi ma sono giovane, come investo per fare interesse composto?

Facciamo una simulazione utile a un ventenne che parte da zero.

  • Obiettivo: 1 milione di euro
  • Anni che mancano alla pensione: 35
  • Investimento mensile fisso: 400€
  • Tasso di interesse: 8% (rendimento medio storico mercati)

Risultato: €923,670.01 dopo 35 anni.

interesse composto grafico esempio
Esempio di effetto dell’interesse composto su un investimento periodico di 400€ al mese per 35 anni. Risultato? 1 milione di euro.

Lo stesso ventenne se mettesse da parte diligentemente 400€ al mese sul suo conto corrente (zero interessi) dopo 40 anni troverebbe sul conto solo 168.000€.

Cosa?

Si. Facciamo il calcolo insieme:

  • 400€ al mese messi da parte per 12 mesi = 4800€ all’anno.
  • 4800€ per 35 anni = 168.000€

Se poi considero la perdita di potere d’acquisto dovuta all’effetto dell’inflazione…mi cadono le braccia.

Ecco perchè anche risparmiando 400€ al mese senza investire NON si va da nessuna parte. Condividi il Tweet

Ecco come creare una rendita aggiuntiva alla pensione.


Interesse composto Wikipedia

La più grande enciclopedia del mondo naturalmente tratta il concetto di interesse composto. In italiano rimanda anche alla voce “anatocismo” ma non è quello che serve a noi.

Wikipedia si sofferma molto sull’aspetto matematico.



📶 Investimenti per creare interesse composto

Investimenti per creare interesse composto

Adesso passerò in rassegna alcuni metodi che uso io e tutti quelli che coltivano interesse composto investendo a lungo termine.

Rispondo alla domanda: “Dove investire con interesse composto?

Lista degli investimenti per avere interesse composto:

#1 Investimento manuale in ETF

Uno dei metodi più popolari e statisticamente provati per ottenere rendimenti alti (ma non stabili) è investire in ETF a lungo termine.

La strategia prevede investimenti mensili continui in ETF a basso costo che includono indici azionari e obbligazionari mondiali.

La statistica vuole che negli ultimi 100 anni i mercati, soprattutto quelli degli Stati Uniti abbiano avuto performance medie dell’8%.

Per questo motivo investire con cadenza regolare in ETF porta a risultati strabilianti.

  • Sforzo richiesto: Altissimo
  • Efficacia: Alta ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️
  • Rischio: Medio/Basso sul lungo termine
  • Percentuale di portafoglio max: 70%

#2 Peer to peer lending

Investire in peer to peer lending significa investire in prestiti diretti. I rendimenti sono normalmente molto più alti di quelli che ottiene chi investe in borsa a anche i rischi sono adeguati.

Investire in peer to peer lending non prevede manutenzione, si può automatizzare totalmente il processo.

Per farsi un’idea completa di quali sono gli strumenti disponibili da chi investe dall’Italia si può consultare questa lista di siti di P2P lending.

È necessario ricordare che il P2P lending non è un asset adatto a coprire una fetta troppo importante del patrimonio totale.

  • Sforzo richiesto: Basso
  • Efficacia: Alta ⭐️⭐️⭐️⭐️
  • Rischio: Alto senza diversificazione
  • Percentuale di portafoglio max: 20%

#3 Immobili

Gli immobili sono da sempre un asset importante e popolare. Il mito che l’investimento in immobili cresce sempre in valore è da sfatare.

È molto facile fare un cattivo investimento immobiliare e perdere soldi. Per creare una rendita da un immobile serve conoscere una lunge serie di fattori.

Inoltre prima di affermare che un immobile ha un rendimento positivo serve sottrarre dal calcolo finale le tasse e tutti i costi sostenuti durante l’anno.

Incredibilmente in Italia il rendimento netto di un immobile messo a reddito non supera il 4% e blocca un capitale enorme per decine di anni.

Dunque, il rendimento netto annuo di un immobile NON si calcola solo sommando gli affitti percepiti per 12 mesi.

  • Sforzo richiesto: Alto
  • Efficacia: Alta ⭐️⭐️⭐️⭐️
  • Rischio: Medio (difficile diversificare)
  • Percentuale di portafoglio max: 60%

#4 Immobili online (crowdfunding)

Le nuove tecnologie permettono di acquistare frazioni di progetti immobiliari da casa, online.

Generalmente si tratta di prestiti immobiliari relativi a progetti specifici.

In sostanza con il crowdfunding immobiliare un costruttore presenta un progetto su una piattaforma dedicata. Spiega cosa vuole fare (ristrutturazione, costruire da zero, prestito ponte) e pubblica i numeri. Nei numeri appare l’interesse che pagherà ogni mese, la durata del prestito e gli immobili che offre a garanzia del debito con noi.

In genere investire in questo modo rende circa il 12% all’anno e la maggior parte dei siti che offrono questi rendimenti sono in lingua inglese.

Questo è il sito più popolare in Europa per questo tipo di investimenti.

  • Sforzo richiesto: Basso
  • Efficacia: Alta ⭐️⭐️⭐️⭐️
  • Rischio: Alto (sono strumenti molto recenti)
  • Percentuale di portafoglio max: 20%

#5 Robo-Consulenti Online

Sul web è possibile trovare piattaforme che gestiscono i miei soldi in totale autonomia.

In genere si servono di tecnologie di intelligenza artificiale ma anche di consulenti finanziari autorizzati reali.

Il loro servizio consiste nel gestire e bilanciare un portafoglio di investimento in totale autonomia. Li usa chi non ha tempo o capacità di investire i suoi soldi.

Si può trovare un consulente finanziario reale in cravatta ed ossa ma i costi sarebbero molto più alti. Per piccoli e medi importi può convenire appoggiarsi a un robo-consulente online.

Nota: È molto diverso chiedere in banca o in Posta come investire dall’avere un vero consulente finanziario reale o automatico. Un consulente finanziario indipendente (o anche robo-consulente) NON guadagna commissioni sugli investimenti che suggerisce, ma lavora con una percentuale fissa. In banca normalmente ci sono promotori, non consulenti.

  • Sforzo richiesto: Bassissimo
  • Efficacia: Alta ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️
  • Rischio: Basso
  • Percentuale di portafoglio max: 80%

#6 Interesse composto trading

È possibile generare interesse composto con le azioni?

Reinvestendo tutti i profitti fatti con un’attività di trading online è possibile generare interesse composto.

Questo presuppone la capacità di fare trading con profitto in maniera stabile e duratura. Purtroppo è molto difficile generare guadagni stabili con un’attività di trading. In questo articolo descrivo come si può provare ad usare uno strumento di social trading anche se non si ha ancora esperienza nel settore. La strategia prevede di individuare i traders migliori e copiare quelli che hanno generato già profitti stabili in passato col trading. Come sempre non vi è alcuna garanzia che funzioni.

  • Sforzo richiesto: Altissimo
  • Efficacia: Media ⭐️⭐️
  • Rischio: Alto
  • Percentuale di portafoglio max: 10%

#7 Obbligazioni

Esistono una serie di ETF e fondi obbligazionari che sfruttano il sistema dell’accumulo piuttosto che quello della distribuzione delle cedole.

Solo questi sono adatti a generare interesse composto.

  • Sforzo richiesto: Medio
  • Efficacia: Alta ⭐️⭐️⭐️
  • Rischio: Basso
  • Percentuale di portafoglio max: 30%

#8 Piani di accumulo (PAC)

Si può generare interesse composto con un PAC?

Assolutamente si.

Ogni volta che tutti i benefici periodici di un investimento vengono automaticamente reinvestiti si sta creando interesse composto.

I PAC costruiscono interesse composto ma il loro maggior difetto sono i costi.

Ho analizzato centinaia di investimenti PAC online, da quelli offerti dalle Poste a molte banche. I costi per investire erodono fortemente la generazione di interessi si interessi.

I robo-advisor offrono PAC con costi contenuti e reinvestimenti automatici. Serve guardarsi in giro e analizzare i vari prodotti.

  • Sforzo richiesto: Basso
  • Efficacia: Alta ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️
  • Rischio: Basso
  • Percentuale di portafoglio max: 80%

#9 Criptovalute

Non si possono usare le criptovalute per generare profitti e interessi composto a lungo termine. Le criptovalute (come tutte le valute) non generano dividendi o interessi.

Le inserisco in questo elenco solo perchè tantissime persone ormai vogliono avere una piccola quantità di denaro convertita da euro a Bitcoin per beneficiare di un’ipotetica impennata spaziale del valore di quest’ultimo. È già successo in passato e potrebbe accadere di nuovo. Questo strumento può essere un’alternativa facile per riuscirci senza complicarsi la vita.

Al contrario, fare trading di criptovalute non è compatibile con la tranquilla generazione di rendimento composto. I costi di intermediazione poi sono ancora alti.

  • Sforzo richiesto: Basso
  • Efficacia: Da definire ⭐️
  • Rischio: Altissimo
  • Percentuale di portafoglio max: 5%

Nota: le “percentuali di portafoglio” non sono una raccomandazione ma solo la mia opinione in merito.


📽 Video interesse composto YouTube

Niente spiega meglio di un video l’interesse composto.

Quindi ho cercato video sull’interesse composto su YouTube e ne ho trovati due eccellenti.

Il primo è questo, in italiano:

Interesse Composto: Spiegazione e Come Sfruttarlo

Il secondo video in basso è ancora più affascinante perchè parte dal racconto di questa ragazza dai denti bianchissimi. Il suo professore a scuola le spiegò che guidando una vecchia auto per tutta la vita invece di cambiarla continuamente si stava creando una pensione aggiuntiva.

È più lungo, ma ne vale la pena ⬇️

Compound Interest Explained | Personal Finance For Beginners

Per aggiungere i sottotitoli in Italiano basta andare sulla rotella in basso di YouTube e selezione “tradotti automaticamente in italiano”. Fatto.


→ Rischio / rendimento e interesse composto

Quando si guardano i grafici della crescita dell’interesse composto viene un solo desiderio: investire tutto al massimo rendimento possibile per arrivare prima ai risultati matematici. Invece serve resistere alle tentazioni e distribuire gli investimenti su diversi strumenti. Per generare interesse composto in Italia servono:

  1. Investimenti con un rendimento
  2. Capitale iniziale o versamenti periodici
  3. Costanza e pazienza

Non è raro scoprire che a tassi di interesse altissimi corrispondono rischi adeguati, quindi non si può inseguire solo il massimo rendimento. Serve equilibrio. Perdere per strada una parte dell’investimento mi farebbe scivolare all’indietro invece di progredire.


Conclusioni

Per concludere, non esistono scorciatoie. Per sfruttare l’interesse composto e dare potere anche a piccole cifre serve iniziare prima possibile.

Serve inoltre documentarsi sugli strumenti a disposizione e riconoscere quelli che NON generano interesse sull’interesse. Ad esempio cedole e dividendi se non reinvestiti non generano interesse aggiuntivo. Conti deposito che offrono interessi sufficienti a generare interessi non esistono al momento in euro.

Per semplificare, agli antipodi dell’interesse composto c’è la rendita. Nelle rendite i benefici dell’investimento possono essere spesi e non reinvestiti.


Ora è il tuo turno!

Hai già iniziato?

Sapevi dell’esistenza dell’interesse sull’interesse?

Come stai generando ricchezza a lungo termine?

⭐️ Condividi qui sotto nei commenti la tua strategia o i tuoi dubbi…

4 pensieri su “Cos’è l’interesse composto? Investimenti per ottenerlo [lista + video]

  1. CaseinSardegna dice:

    Finalmente una buona spiegazione del rendimento composto. Io ci sto provando con le case. Metto da parte gli affitti che incasso, dico tutto tutto, e creo le basi per comprare altri vecchi appartamenti. Per adesso tanta fatica ma secondo me sono sulla strada giusta.

  2. tommaso dice:

    Una spiegazione ampiamente esaustiva dalla A alla Z come poche; Peccato però che non venga evidenziato fin da subito la criticità dell interesse composto:1-sono tutti investimenti in capitale di rischio 2-piu è alto l interesse annuo più è alto il rischio (es: il 10% di interesse annuo=altissimo rischio di capitali).3 – in 20 anni di investimenti non potrai avere sempre ogni anno in positivo .Sal è un blog interessante ,non candiamo però in queste semplificazioni.

    • Rendite Passive dice:

      Tommaso grazie del commento critico.
      Rispondo volentieri.
      Quando scrivo di un argomento provo a contenere la lunghezza del contenuto entro limiti ragionevoli. Un articolo con più di 4000 parole non lo legge nessuno (purtroppo). Per questo non sempre posso toccare tutti gli aspetti accessori.
      Se parlo di interesse composto in maniera esaustiva non riesco a parlare anche di tutti i problemi accessori di questo. A volte è necessario semplificare.
      Io ritengo che tutti gli investimenti comportino rischi MA io cerco solo il miglior rapporto rischio – rendimento, non garanzie sul capitale.
      Non sempre a rendimenti alti corrispondono rischi ugualmente alti. Quando trovo queste anomalie io mi ci infilo dentro.
      Personalmente poi io non odio il rischio.
      Se un investimento è rischioso non per questo lo evito. Stabilisco il suo rischio/rendimento e la percentuale che prenderà nel mio portafoglio.
      Nell’articolo su come investire a lungo termine è spiegato con precisione come investire sui mercati azionari è possibile con rischi statisticamente limitati (i dati partono dal 1870!).
      Per questo non condivido chi giudica i risultati ottenuti con un robo-advisor dopo 6 mesi o con azioni da dividendo dopo 1 anno.
      È il tempo che genera rendimento ma se un investimento rende il 2% gli effetti dell’interesse composto si manifesteranno dopo troppi anni, non ha senso aspettarselo. Per questo ora so che non fare nulla o proteggere tutto il mio captale da tutti i rischi non mi porta da nessuna parte.
      Faccio pace col rischio e so bene che piccole perdite momentanee sono parte della crescita.
      In settori rischiosi come le borse, il P2P lending, certe obbligazioni e il crowdlending immobiliare al momento (per me) esistono delle opportunità da cogliere assolutamente, anche se comportano rischi.
      Posso scrivere tutto questo perchè io non consiglio investimenti a nessuno neanche nella mia newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: ⛔️Il materiale che stai cercando di copiare è protetto da © Copyright. Metti un link a questo contenuto invece di copiarlo.